Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Stendardo 4a Cp Mortai del Btg Barbarigo

  1. #1

    Stendardo 4a Cp Mortai del Btg Barbarigo

    Dalle memorie di Pierluigi Tajana:

    Era ormai l`imbrunire e c`invitò a riunire i nostri reparti in un prato vicino al ponte di Bassanello, in località* Pra` della Valle. Alle prime ore del mattino avremmo dovuto raggiungere Padova per la resa e per essere riconosciuti prigionieri di guerra alle dipendenze delle truppe inglesi. Il comandante Di Giacomo ci fece un commovente discorso e disse che quello non era 1`8 settembre, che la guerra era ormai finita per tutti, e di essere fieri di essere appartenuti alla Xa MAS. Finimmo con il grido "Decima marinai!", "Decima comandante!". Quella sera la Xa era "rientrata in porto" con l`onore delle armi. Fummo tutti presi da un`immensa tristezza. Ero assillato da un dubbio tremendo: secondo il codice d`onore militare esiste l`obbligo, sia per un soldato semplice che per un ufficiale, di non farsi prendere, quando é possibile, prigionieri. D`altra parte avevamo assicurato all`Ufficiale inglese che saremmo rimasti uniti e preparati per il giorno successivo per consegnarci ai comandi inglesi a Padova. Non sapevo come comportarmi. Del resto tutte le forze armate italiane si erano arrese, il governo italiano non esisteva più. Mussolini era stato fucilato. Se fossi scappato, dove sarei potuto andare a finire e cosa sarebbe successo ai miei Marò. Decisi di rimanere ed accettare quello che la sorte mi avrebbe prospettato. Non fu una notte felice. La 4a Compagnia aveva uno stendardo. Lo dividemmo in tanti pezzetti in modo da poterli distribuire ai centotrenta, centoquaranta superstiti. Sono riuscito a conservare quel pezzetto di stoffa, malgrado tutte le traversie subite durante il periodo di prigionia. Lo possiedo ancora e quando mi capita fra le mani, si scatena nella mia mente un fiume di ricordi che mi fanno domandare: "Se un giorno mi trovassi nelle stesse condizioni di allora, e senza le conoscenze di oggi, come mi comporterei?". La risposta é sempre la stessa; farei le stesse cose di allora. Sono certo che se avessi seguito un`altra condotta la mia coscienza ne sarebbe stata scossa.

    Quel "pezzetto della Xa" fu, anni dopo, donato da Tajana a Carla Piccoli, Ausiliaria della GNR e sorella del Tenente Alberto Piccoli, della Cp Mortai del Barbarigo, caduto sul S. Gabriele, e amico fraterno di Tajana e del Tenente (poi Generale dell'EI) Giorgio Farotti. Carla Piccoli ha voluto farci un omaggio toccante donandoci a sua volta quel lembo e le storie che vi sono intorno, dalla memoria di suo fratello e del Tenente Tajana, a tutti i marò del Barbarigo.

    Un riconoscimento che vale più di mille parole ai nostri modesti sforzi nel preservare la memoria dei combattenti del Barbarigo e della Xa.
    Cogliamo l'occasione per ringraziare e salutare l'Aus. Carla Piccoli, la sua bella famiglia, e il nipote Giorgio Zett, autore di un DVD di foto e filmati sul Campo della Memoria.

    FOTO: http://associazioneitalia.blogspot.com/ ... -1945.html

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611
    Grazie del racconto molto interessante.
    Ho visto le foto, un storico cimelio.
    [ciao2]
    luciano

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266
    Grazie della segnalazione.
    Un solo appunto sulle memorie di P. Tajana, il comandante era Antonio De Giacomo e non Di Giacomo, lo so perchè era il fratello di mio nonno.
    Ciao
    Andrea
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  4. #4
    Utente registrato L'avatar di Alpino X
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Angolo Terme (BS)
    Messaggi
    3,368
    Caspita naviditalia... stupendo...la Storia d'Italia...
    <<< Nec videar dum sim >>>

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    2,821
    Peccato non vedere la foto postata. Oltre al racconto e all'indirizzo del blog ci vorrebbe anche quella...e vabbè..

    Andrea58...zii combattenti a quanto pare.

    Saluti
    Currà*
    Il campo di fango di Rovigo, coi pali delle porte più alti del mondo,fatti apposta per farti prendere paura. (Marco Paolini)

  6. #6
    Immagine:

    25,15*KB



    Immagine:

    25,01*KB

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,022
    Interessante, grazie della segnalazione. [ciao2]

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Rovigo
    Messaggi
    2,821
    Il pezzo ricordo è sicuramente un gran ricordo!
    Un usanza, quello di lacerare la bandiere e conservarne i pezzi, usata anche in passato, dal 44° regg. Fanteria a Custoza, durante le guerre di indipendenza, dal regg. Giovani Fascisti in Africa, ecc. ecc...

    Saluti
    Currà*
    Il campo di fango di Rovigo, coi pali delle porte più alti del mondo,fatti apposta per farti prendere paura. (Marco Paolini)

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato