Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 28

Discussione: Telefoni Militari

  1. #11
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    22
    Ho dimenticato............due cose:

    1- sì, è giustissimo, Jean Bart fu corsaro e corazzata ma le due parole assomigliano all'inizio del mio cognome

    2- SALUTI A TUTTI!

    PS
    .....sarà* la vecchiaia

  2. #12
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Località
    Veneto
    Messaggi
    796
    Un caloroso BENVENUTO anche da parte mia!!!
    E siamo tutti ansiosi di vedere qualche chicca [][][][]

    Un salutone! [][][][]
    Denis
    Denis

  3. #13
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    22
    Saluti a tutti.
    Questo è il primo telefono da campagna adottato dall'Esercito Federale Svizzero, il "Feldtelephon 09" (F.Tf.09 del 1909). Dopo lunghi studi, iniziati nel 1888 con l'acquisto di vari apparati nazionali Hasler e Favarger, l'Esercito Svizzero commissionò alla Siemens & Halske di "Berlin Nonnendam" un apparecchio telefonico derivato dal modello civile 1908 della stessa S&H ed adattato secondo le esigenze nazionali.
    Il "Feldtelephon 09" può essere considerato il primo telefono da campo svizzero "di serie". Successivamente il K.T.A. (Kriegtechnische Abteilung = Servizio Tecnico Militare)lo modificò per mantenerlo all'altezza dei tempi. Infatti l' F.Tf.09 prestò servizio dal 1909 al 1956, un periodo molto lungo ma non eccezionale per le apparecchiature elvetiche.
    Ne esistono tre versioni:
    1. Feldtelephon 09 mit Siemens Summer (Ronzatore tipo Siemens, questo illustrato)
    2. Feldtelephon mit Albis Summer (Ronzatore Albiswerk- Zürich)
    3. Feldtelephon mit Englischen Summer (Ronzatore tipo inglese)
    Totale: 1834 esemplari costruiti. Si presume che il numero degli esemplari del primo tipo (sempre quello qui illustrato) non superi i 2-300 pezzi.
    Questo reca la matricola numero 20.
    Immagine:

    78,48*KB

    Immagine:

    81,43*KB
    Lo so, ci sarebbe da parlare un mese di 'sto coso ma......non c'è tempo né spazio.
    I telefoni svizzeri sono la mia passione, diciamo che li ho quasi TUTTI dal 1909 al 1953, mi manca solo il modello per Artiglieria coetaneo a questo.

  4. #14
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    22
    Sempre 'sta testa balorda:
    F614 (la "F" si vede male, ha perso il colore) non è il numero di matricola ma la sigla del reparto che lo aveva in dotazione.
    La cassettina aggiuntiva con il magnete a manovella è una modifica primi anni '20 del K.T.A.

    alla prossima...............

  5. #15
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    22
    "Il Primo e l`Ultimo"...........è il titolo di uno splendido libro scritto dal Generale della Luftwaffe Adolf Galland ma può servire anche per questo "post".
    Il "Feldtelephon 09" fu il "primo", il "Tischtelefon 53" è l` "ultimo" (T.Tf.53, "Telefono da tavolo mod. 1953". Notare l`evoluzione della lingua: Telephon, nel tempo, diventa Telefon)
    L`ultimo telefono militare "convenzionale" dell`Esercito Federale Svizzero, un piccolo capolavoro di elettromeccanica costruito dalla Albiswerk di Zurigo (Siemens Svizzera fino al 1922, poi "Telephonwerk Albisrieden", infine "Albiswerk"*).
    Realizzato in 7394 esemplari fra il 1953 ed il 1960, è stato alienato quasi totalmente. Alcuni sono ancora in servizio (insieme a qualche Feldtelefon 50) prersso le Squadre Costruzioni Linee Campali del rinnovato "Esercito XXI" elvetico.
    Accanto ad esso vediamo l`accessorio "Nummernzusatz" che consente al telefono il collegamento a Centrali a Selezione Automatica.
    Una nota: tutti i miei amati "svizzerotti" sono perfettamente funzionanti, anche quelli quasi centenari.
    Ari-saluti, spero di aver accontentato qualcuno, se non basta ce ne sono altri 160 da inserire............!!!

    *Albisrieden era un sobborgo di Zurigo


    Immagine:

    42,04*KB



    Immagine:

    61,69*KB

  6. #16
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576
    Bellissimi ed in splendide condizioni!
    Una volta giunti nelle tue mani come provvedi per la pulizia ed il controllo funzionale?
    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  7. #17
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    771
    Belli, belli..... che dire altro.[]
    Sei un grande []
    HANDE WEG VOM LAND TIROL

  8. #18
    Moderatore L'avatar di BIGGET
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    2,445
    Ehi!!! Bella e interessante collezione!![]

    Quando capita di uscire dalle proprie stanze a fare un giretto, ecco le sorprese piacevoli.[]

    Complimenti e posta ancora...magari qualche telefono "crucco"....[^][^][^]

    Saluti BIGGET
    Perché negarlo...mi piaccion le Fibbie!!

  9. #19
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    22
    Buongiorno a tutti.
    Con gli apparati svizzeri non ci sono problemi, sono tutti (o quasi) in perfette condizioni sia estetiche, sia funzionali. Facile, dirà* qualcuno, non hanno fatto la guerra.........

    No! non è così: sono stati nelle mani di gente che li trattava più che bene e costantemente revisionati da personale molto competente.
    I telefoni tedeschi la guerra l'hanno fatta, alcuni sono mal messi, altri perfetti; quelli italiani (purtroppo) sono spesso in cattive condizioni.

    Per i restauri ci vuole pazienza, amore ed un poco di manualità*. Bisogna saper fare il falegname, cucire il cuoio, saldare a stagno.......

    Per chi ama gli oggetti tedeschi (fra questi ci sono anch`io) ecco un telefono non comune, non è "raro", intendiamoci, ma non è il solito "Feldfernsprecher 33" (FF33).

    A prima vista sembrerebbe un apparecchio "di ripiego", qualcosa costruito alla meno peggio per risparmiare tempo e materiali, ma non è del tutto vero.

    L` OB 43 (Telefono da Fortezza Mod. 43)nasce da un ragionamento molto logico e razionale: "perché sprecare preziosi materiali per un telefono che non uscirà* mai da un bunker o da una fortezza?"
    Non serve la cinghia di trasporto, non c`è bisogno di proteggerlo da umidità* o polvere.......
    Ma per questo esiste già* il "Tischtelefon 38", potrebbe dire il solito interlocutore, è uno splendido telefono da ufficio! E' vero, ma il TF38 costa un sacco di soldi! Ben di più del telefono da campo!

    La sigla "OB", "Orst Batterie" o "Orts (Batterie) Betrieb", indica che si tratta di un telefono funzionante a "Batteria Locale", per collegamenti "punto a punto" oppure attestato ad un Centralino a commutazione manuale, con operatore, per intenderci.
    La data "43" è puramente indicativa; ne ho visti parecchi esemplari e ne possiedo tre, tutti indistintamente prodotti nel 1944 dalla "Mix & Genest", famosissima fabbrica di materiali telefonici. La ditta aveva le officine a Berlino e Stoccarda, negli anni `50, assieme ad altre, confluì nella "SEL", Standard Elektrik Lorenz.
    Notare il punzone di accettazione "Waffenamt", il logo MG e la data 44. Ultima nota: è l'unico telefono tedesco privo della spina di collegamento apparato-cornetta (che io sappia); tutti i componenti sono derivati da produzione di serie.


    Immagine:

    65,61*KB



    Immagine:

    72,15*KB



    Immagine:

    54,56*KB

  10. #20
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    Sardegna
    Messaggi
    2,593
    belli!
    Dove possiamo documentarci sui vari materiali "da fortezza" elvetici? [:I]
    Un cordiale saluto!
    Vediamoci anche in Facebook, nel gruppo "Sardegna - Bunker Archeologia - Memoria e futuro."

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato