Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 28

Discussione: Telefoni Militari

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    22

    Telefoni Militari

    Buongiorno a tutti.
    Mi sono iscritto al Forum pochi minuti or sono e saluto calorosamente tutti i partecipanti.
    Da quasi cinquanta anni colleziono oggetti militari ma, nell'ultimo decennio, mi sono dedicato quasi esclusivamente alle apparecchiature telefoniche militari di tutto il mondo (In special modo mi occupo di telefonia tedesca e svizzera). Se c'è qualcuno interessato all'argomento, sono ben lieto di fornire tutte le mie "conoscienze" per eventuali identificazioni, consigli per la manutenzione o dubbi. Grazie per l'attenzione.

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    1,079
    [][]TI PORGO IL MIO PIU' CALOROSO
    BENVENUTO, CARO JEAN BART [][]
    Ne approfitto per una consulenza:
    a livello tattico e logistico che
    differenza c'era nella ww1 tra l'uso
    del telegrafo e del telefono?
    Scusa l'ignoranza ma me lo sono
    sempre chiesto.

    Immagine:

    30,18Â*KB
    Cerco tutto ciò che riguarda il 157^LIGURIA

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Puglia
    Messaggi
    432
    Benvenuto nel Forum!!

    Francesco

  4. #4
    Moderatore L'avatar di Quex
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Napoli
    Messaggi
    1,329
    Salve Jean Bart,
    BENVENUTO! mostraci qualche chicca della tua collezione.
    un saluto
    Quex
    Occorre molto tempo affinche' una buona idea faccia il giro della testa di un coglione.
    L.F.Celine

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Siena
    Messaggi
    1,296
    un benvenuto anche da perte mia
    ciao
    lo squadrista
    -------------
    Và nuova Italia, combatti!
    Stringi in un sol destino quanti hanno la bella tua lingua!
    Pianta le insegne romane sui limiti antichi di Roma!
    -------------
    Cerco materiale del ventennio e italiano della 2^GM - cerco anche materiale del 7° Rgt. di Artiglieria di Corpo d'Armata e foto su Siena nel periodo 1919-1945
    www.rabem.it
    www.arsmilitaris.altervista.org

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    22
    Ringrazio Marco, Francesco, Quex e lo Squadrista per il "Benvenuto"!

    Alla domanda di Marco circa l'uso del Telegrafo e del telefono nella Grande Guerra rispondo come segue.
    Il telegrafo, nella dovuta accezione del termine quale apparato "scrivente" (sia pure in codice tipo MOrse), ebbe diffusuione ad alto livello, "Superiori Comandi", si potrebbe dire; sia per la complessità* e peso degli apparecchi non propriamente "campali", sia perchè imponevano personale discretamente qualificato.

    Chiunque è in grado di ricevere o trasmettere una comunicazione telefonica, pochi quella telegrafica. Il problema maggiore, a quel tempo, era l'isolamento dei conduttori, sempre piuttosto precario, dati i materiali non troppo idonei; spesso costituiti da fili di acciaio e rame e rivestiti di doppio avvolgimento di cotone e carta oleati, raramente di gomma o catramati. Con questi conduttori è difficile realizzare linee campali (con il cavo poggiato sul terreno,"Fernfeldkabel", "assault wire" o "fil de combat"). Ove possibile si preferivano le linee aeree che evitavano dispersioni sul terreno (ed anche le intercettazioni). In ogni caso, il sistema preferito era quello denominato "misto", costituito da un solo conduttore "metallico" e da un "ritorno a terra" realizzato con un picchetto infisso nel terreno.
    Gli apparecchi del tempo erano quasi tutti in grado di funzionare in due modi: come telefono convenzionale e come "telegrafo", in quanto dotati di un survoltore della corrente delle batterie denominato "Buzzer" in inglese, "Summer" in tedesco e "cicalino" o "ronzatore" in italiano. Questo semplice apparecchietto (basato sul principio del Rocchetto di Ruhmkorff), trasformava i 3 Volts della batteria in circa 20-25 Volts in corrente alternata. Un tasto tipo telegrafico consentiva di inviare sulla linea un treno di impulsi, sempre tramite codice Morse ma senza lasciare tracce su di una strscia di carta, ricezione in cuffia.

    La "portata" dell'apparecchio, in questo modo, era notevolmente aumentata. Inglesi e Svizzeri, molto conservatori, ebbero in dotazione apparati muniti di ronzatore sin dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, quasi tutte le altre nazioni lo abbandonarono dopo il 1918.

    In conclusione si potrebbe dire che il telegrafo, sulla linea del fronte, era raramente impiegato a favore del telefono, sia pure in modalità* telegrafica.

    Molto belli i due apparecchi austriaci: a sinistra l' "Ordonnance 1907" (o Sprachkassette 07) ed il piccolo centralino "Fernsprechstelle Modell 1916".

    Farò in modo di inserire qualche fotografia di apparecchi rappresenativi di un'epoca che sta finendo, anzi, forse è già* finita.
    Saluti a tutti

  7. #7
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    1,079
    Grazie mille Jean Bart. Spiegazione fantastica.
    Aspetto con ansia le tue immagini. Non so se
    hai visto che nella sezione ww1 italiana c'è un topic
    sui telegrafi, magari ci puoi aiutare.
    Cerco tutto ciò che riguarda il 157^LIGURIA

  8. #8
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576
    Benvenuto Jean Bart, chi porta la propria esperienza è un tesoro per questo forum!
    Aggiungo una piccola nota di colore sperando di non essere sgridato per off-topic:
    Ho prestato servizio militare nell'82-83 e nonostante il mio incarico come Caporale Istruttore di Fanteria sono finito a fare Quadro Permanente alla SCUST - Scuola Specializzati Trasmissioni di San Giorgio a Cremano (NA).
    Prima che mi collocassero stabilmente ho assistito a due o tre lezioni degli apprendisti trasmettitori a fine corso (tre mesi) ed erano delle tediosissime sedute di ricezione in MORSE e relativa compilazione degli appositi moduli prestampati... con le cuffie agli orecchi era un pigolio ininterrotto piuttosto soporifero ma i miei commilitoni scrivevano con diligenza!
    Chissà* se anche nel mondo delle trasmissioni digitali criptate di oggi viene ancora insegnato questo linguaggio!
    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    771
    Ciao Jean Bart
    un caloroso benvenuto anche da parte mia e sopratutto una buona permanenza.
    Una domanda: il tuo nik si riferisce alla famosa corazzata francese dell'operazione "catapult" nella seconda guerra mondiale oppure al famoso corsaro delle Fiandre al soldo di Luigi XIV (re Sole) che terrorizzava i mercantili inglesi in tutti i mari. [][][]
    Scherzi a parte volevo congratularmi con te per il tuo affascinante e non comune settore collezionistico dove dimostri una grande competenza.
    A tale proposito approfitto subito rispolverando e mettendo in evidenza un mio vecchio topic del mese di ottobre tuttora rimasto senza risposta:

    http://www.milistory.net/forumtopic.asp?TOPIC_ID=493

    Un caro saluto

    Walter
    HANDE WEG VOM LAND TIROL

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    22
    Per Marco:

    So poco o nulla sui telegrafi, quel tanto che basta a conoscere i problemi di compatibilità* di impiego sulle linee telefoniche, mi spiace.

    Per Centerfire:

    Il Codice Morse, dopo anni ed annorum di onorato servizio, è stato posto in congedo poco tempo fa. Dopo aver salvato milioni (forse) di vite umane, se ne è andato in silenzio e con dignità*: nessuno se ne è accorto.

    Per Walzorzi:

    E` quasi certamente un telefono da campo Russo (dico "quasi" tanto per non sbilanciarmi troppo). Direi un "Ericsson". Intorno al 1880 la Ericsson svedese realizzò una fabbrica di apparecchi telefonici a San Pietroburgo. Durante la 1^GM la Russia impiegò due modelli di apparecchi campali costruiti dalla Ericsson: il mod. 1909 ed il mod. 1915 (il primo dotato di borsa di cuoio, il secondo di cassetta di legno).II microtelefono del mod. 09, a parte le scritte in caratteri cirillici, è identico a quello dell`austro-ungarico mod. 07, anch`esso derivato da produzione "Ericsson". Quello del Mod. 15, invece, assomoglia molto a quelli coevi civili.
    L`esemplare in questione assomiglia abbastanza al modello 1915 "Ericsson-Russo" ma non è lui, non so dirti di più: è russo (ma potrebbe appartenere anche ad altra nazione impiegante l'alfabeto cirillico), è un Ericsson, databile primissimi decenni del ‘900. Dopo il 1917 molti telefoni da campo russi furono reimpiegati dall'Esercito Tedesco.
    E` un discreto "pezzo", penalizzato fortemente dalla mancanza della cornetta, peccato veramente. Trovarne una è molto difficile, quasi impossibile.
    Se riesci ad inviarmi un paio di fotografie dettagliate della targhetta con lo schema teorico e dell'interno dell'apparato potrei dire qualcosa di più

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato