Pagina 1 di 5 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 41

Discussione: Tirocinio militare: la "Mini-naja"

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di Alpino X
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Angolo Terme (BS)
    Messaggi
    3,368

    Tirocinio militare: la "Mini-naja"

    Negli ambienti dell'Associazione Nazionale Alpini che frequento è da qualche tempo che ne sento parlare, giusto pochi minuti fa consultando il sito dell'ANA ho letto la lettera del Ministro della Difesa ai presidenti delle sezioni ANA, vi riporto alcuni passaggi:

    [attachment=00amdu6k]Mininaja.PNG[/attachment0amdu6k]

    Aspetto i vostri pareri.
    Un saluto :P
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login


    <<< Nec videar dum sim >>>

  2. #2
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    Pieve di Cento (BO ) Emilia Romagna
    Messaggi
    4,395

    Re: Tirocinio militare: la "Mini-naja"

    Personalmente penso che "qualcosa sia sempre meglio che niente" anche se viste le sempre maggiori esigenze da soddisfare vedrei meglio il modello svizzero di servizio militare/civile "obbligatorio" per tutti di 3 mesi con successivi richiami durante gli anni a seconda degli incarichi.
    sven hassel
    duri a morire

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,022

    Re: Tirocinio militare: la "Mini-naja"

    Citazione Originariamente Scritto da sven hassel
    Personalmente penso che "qualcosa sia sempre meglio che niente" anche se viste le sempre maggiori esigenze da soddisfare vedrei meglio il modello svizzero di servizio militare/civile "obbligatorio" per tutti di 3 mesi con successivi richiami durante gli anni a seconda degli incarichi.
    Sono d'accordo, comunque è una buona cosa.

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    2,060

    Re: Tirocinio militare: la "Mini-naja"

    Io mi domanderei in primis da dove sia nata questa idea...
    Il male endemico che affligge le nostre FFAA (ma vale anche per quasi tutte le altre organizzazioni dello Stato) è che da 60 anni sono state usate come valvola sociale per ridurre il tasso di disoccupazione. Paga tutto sommato buona (soprattutto se si considerano indennità*,missioni,etc),spesso si impara un mestiere, posto sicuro e rischio relativamente basso. Questo è stato il motivo - paradossalmente - quando ancora c'era la leva per il quale decisi di non rimanenere nel corpo: stavo a 1600 km da casa e vedevo piangere gente per un mancato pernottamento a casa nel week-end. Ma si può far la guerra così mi son chiesto?
    Solamente una minima percentuale dei miei ex colleghi poi erano volontari "per vocazione", la maggioranza cercava un lavoro sicuro e uno stipendio. Per quanto poi questo non escluda che ne possano venire fuori buoni soldati, la cosa uccide il lato romantico che io ho sempre visto nel fare una scelta volontaria. E scelsi di continuare gli studi. A sentire i miei ex colleghi (quelli duri e puri) però, da quando è stata abolita la leva obbligatoria, la situazione è peggiorata sensibilmente: poco attaccamento al corpo e molto dipendenti statali anzichè veri volontari.
    Su reparti particolari e legati al territorio in cui operano - come possono essere ad esempio alpini e lagunari - la componenente locale deve giocare un ruolo fondamentale ed oggi si è persa.
    Alla luce di quanto scritto, questa mini-naja potrebbe essere un buon sponsor per futuri volontari con la V maiuscola e un piccolo richiamo ai doveri dei giovani verso la propria Patria, ma dovrebbe durare dai 3 ai 6 mesi almeno. Molto meglio sarebbe cmunque aprire una Riserva non più "selezionata" ma organizzata a tutti i livelli, con richiami periodici, come succede in molti altri paesi,anche europei. Il mio periodo di leva non mi è pesato affatto, e molto di quanto imparato mi è servito e mi serve ancora oggi.
    Bkg

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    1,461

    Re: Tirocinio militare: la "Mini-naja"

    Salve,
    Io vorrei sapere come funziona; ne ho sentito parlare anche io precedentemente e mi sembra di aver capito che sia paragonato ad uno stage scolastico.
    Pvt Guy P Rossi

  6. #6
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: Tirocinio militare: la "Mini-naja"

    Citazione Originariamente Scritto da BKG
    Io mi domanderei in primis da dove sia nata questa idea...
    Il male endemico che affligge le nostre FFAA (ma vale anche per quasi tutte le altre organizzazioni dello Stato) è che da 60 anni sono state usate come valvola sociale per ridurre il tasso di disoccupazione. Paga tutto sommato buona (soprattutto se si considerano indennità*,missioni,etc),spesso si impara un mestiere, posto sicuro e rischio relativamente basso. Questo è stato il motivo - paradossalmente - quando ancora c'era la leva per il quale decisi di non rimanenere nel corpo: stavo a 1600 km da casa e vedevo piangere gente per un mancato pernottamento a casa nel week-end. Ma si può far la guerra così mi son chiesto?
    Solamente una minima percentuale dei miei ex colleghi poi erano volontari "per vocazione", la maggioranza cercava un lavoro sicuro e uno stipendio. Per quanto poi questo non escluda che ne possano venire fuori buoni soldati, la cosa uccide il lato romantico che io ho sempre visto nel fare una scelta volontaria. E scelsi di continuare gli studi. A sentire i miei ex colleghi (quelli duri e puri) però, da quando è stata abolita la leva obbligatoria, la situazione è peggiorata sensibilmente: poco attaccamento al corpo e molto dipendenti statali anzichè veri volontari.
    Su reparti particolari e legati al territorio in cui operano - come possono essere ad esempio alpini e lagunari - la componenente locale deve giocare un ruolo fondamentale ed oggi si è persa.
    Alla luce di quanto scritto, questa mini-naja potrebbe essere un buon sponsor per futuri volontari con la V maiuscola e un piccolo richiamo ai doveri dei giovani verso la propria Patria, ma dovrebbe durare dai 3 ai 6 mesi almeno. Molto meglio sarebbe cmunque aprire una Riserva non più "selezionata" ma organizzata a tutti i livelli, con richiami periodici, come succede in molti altri paesi,anche europei. Il mio periodo di leva non mi è pesato affatto, e molto di quanto imparato mi è servito e mi serve ancora oggi.
    Bkg
    Ho letto quanto hai scritto e mi sono trovato a pensare. In effetti la situazione mutata ha portato a grossi cambiamenti nel nostro esercito. Premetto che ho grande stima per chi serve nell'esercito e lavora per noi e che quando sento brutte notizie non riesco a pensare " hanno fatto una scelta e ne pagano le conseguenze" come ho spesso sentito dire. Oggi secondo il mio parere è combiato molto, ma la mia impressione è che il combiamento non sia stato tutto positivo. Prima l'esercito aveva a disposizione decine di migliaia di marmittoni tra cui potere scegliere i migliori per allettarli con proposte di carriera. Oggi invece abbiamo degli "eroi da graduatoria" autorizzati a rimanere in base a punteggi e graduatorie appunto. Lo trovo sminuente, da impiegato delle poste. Trovo che abbiano "statalizzato" nel senso peggiore il nostro esercito. Per fare un esempio concreto diciamo che per determinate missioni non si possono necessariamente scegliere i più preparati ma si devono scegliere gli "aventi diritto". Per forza di cose questi sono quelli con maggior anzianità* di servizio e non necessariamente quelli più adatti. Non che i giovani non vengano scelti ma per pattugliare in Afganistan, come tempi di reazione, è meglio avere 25 anni che 40. Essendo il nostro un esercito del tempo di pace logicamente e per fortuna le graduatorie seguono gli iter temporali e non quelli sul campo come in tempo di guerra. Così ci troviamo con moltissimi sottufficiali "aventi diritto" ed anche di grande esperienza ma per forza di cose in la con gli anni. Anche il fatto che come hai fatto notare i corpi a vocazione regionale non lo siano più è legato alle graduatorie ed a malinterpretati sensi di equità* "politica". I costi poi sono una nota dolente, e credo che il principale ostacolo sarà* appunto questo oltre alla brevità* del corso. Un mese è "vacanza" non impegno. Se non si riusciva a fare dei soldati in 12 mesi come si può pensare di riuscire a fare dei "cittadini consapevoli" in un mese. Poi il senso dello stato e della Patria, non è cosa che si possa imparare, deve essere cosa sentita prima e che verrà* in aiuto durante il servizio e nelle avversità*.
    Sempre pessimista, lo ammetto.
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  7. #7
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    953

    Re: Tirocinio militare: la "Mini-naja"

    condivido quello che avete detto ......però il prossimo anno, quindi avrò 18 anni,se riesco a capire bene come funziona un mese della mia vita lo dedico piu che volentieri.....magari in futuro, e finite le superiori potrei offrire piu di un mese


    ovviamente negli ALPINI
    avanti forza paris

    art.52 della Costituzione Italiana
    La difesa della Patria e' sacro dovere del cittadino. Il servizio militare e' obbligatorio nei limiti e modi stabiliti dalla legge. Il suo adempimento non pregiudica la posizione di lavoro del cittadino, ne' l'esercizio dei diritti politici. L'ordinamento delle Forze Armate si informa allo spirito democratico della Repubblica.

  8. #8
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090

    Re: Tirocinio militare: la "Mini-naja"

    Citazione Originariamente Scritto da BKG
    Io mi domanderei in primis da dove sia nata questa idea...
    Questo è il metodo che adottano in Svizzera. Un mese di naja all' anno per dieci anni.
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

  9. #9
    Utente registrato L'avatar di Andrea58
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    10,266

    Re: Tirocinio militare: la "Mini-naja"

    Citazione Originariamente Scritto da Blaster Twins
    Citazione Originariamente Scritto da BKG
    Io mi domanderei in primis da dove sia nata questa idea...
    Questo è il metodo che adottano in Svizzera. Un mese di naja all' anno per dieci anni.
    Si, però prima ti insegnano tutto e poi ti fanno fare i richiami di un mese. Così se per caso cambiano le tecnologie non sei tagliato fuori del tutto.
    Homo homini lupus. Draco dormiens nunquam titillandus
    lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita infocata dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra, così che questa infame impresa ammorberà la terra col puzzo delle carogne umane gementi per la sepoltura.

  10. #10
    Utente registrato L'avatar di Blaster Twins
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Piemonte
    Messaggi
    24,090

    Re: Tirocinio militare: la "Mini-naja"

    Ma sai che rottura essere impegnato per dieci anni della tua vita? Meglio fare dieci mesi subito e tirarsi via il dente.
    A/F 505 PIR 82ND AIRBORNE DIVISION "ALL AMERICAN"
    H-MINUS
    ALL THE WAY!

    www.progetto900.com

Pagina 1 di 5 123 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato