Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 31

Discussione: TOLLO-ORTONA 21 dicembre 1941

  1. #21
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658
    Veramente intensa questa storia.....[^][^][^]

  2. #22
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    88
    . . . . lungo la strada incontrarono morte e desolazione.

    Proseguirono scavalcando cavalli e persone morte, i carri dei malcapitati ribaltati, alla mia famiglia si unirono altri profughi cacciati dai paesi vicino.

    La colonna di questi poveracci si allungava strada facendo.

    I loro occhi erano pieni di dolore, paura e disperazione. Non sapevano che cosa gli aveva riservato il futuro, vivevano minuto per minuto.

    Arrivarono a destinazione dopo 3 giorni. Alla mia famiglia fu assegnata una stanza messa a disposizione da una famiglia di Chieti.
    I letti non esistevano, si arrangiarono a dormire in terra, si prepararono qualcosa da mangiare, presero le solite fave secche e la carne delle pecore.

    Tomaso aveva addosso sempre quelle banconote, nascoste sotto i suoi vestiti dalla nonna.

    Un giorno stanco di giocare in quella stanza, uscì fuori, la nonna non se accorse subito, quando realizzarono che il piccolo non era più con loro, allarmarono tutti.

    Talmente era piccolo che non riuscivano a vederlo, era in mezzo ad altre persone, per fortuna non si era allontanato molto.

    Un giorno mio nonno . . . .





    Immagine:

    12*KB
    . . . AND WAS VIRTUALLY DESTROYED

  3. #23
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Liguria
    Messaggi
    8,022
    Grazie.. aspettiamo l'altro capitolo..
    Gigi "Viper 4"

    "...Non mi sento colpevole.. Ho fatto il mio lavoro senza fare del male a nessuno.. Non ho sparato un solo colpo durante tutta la guerra.. Non rimpiango niente.. Ho fatto il mio dovere di soldato come milioni di altri Tedeschi..." - Rochus Misch dal libro L'ultimo

  4. #24
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    88
    . . . un giorno mio nonno, stanco di quel cibo, si ricordò che a casa aveva ben nascoto 12 quintali di grano.

    Il problema più grosso era quello del trasporto. Occorreva un carro per portare tutti quei sacchi di grano da Tollo a Chieti.

    Per i tempi duri che correvano, ognuno pensava per sè e per la sua famiglia, non è stato facile trovare un veicolo.

    Un giorno, mio nonno, incontrò un suo nipote, dopo aver scambiato quattro chiacchere, gli confidò questo suo problema.

    Questo parente lo rassicurò, riuscì a procurarsi un carro, partirono per Tollo, caricarono i sacchi di grano e tornarono.

    I favori si pagano e questo nipote pretese la metà* di quella manna caduta dal cielo.

    Nella piazza principale di Chieti, tutti i giorni si apriva il mercato (nero), dove si vendeva di tutto, dallo spillo alla mucca.

    Anche il nostro grano prese la stessa strada, questo parente, a detta di mia madre, ci guadagnò una montagna di soldi, i trasporti già* da allora si pagavano a peso d'oro. La fame, però era tanta e occorreva migliorare l'alimentazione, specialmente per mia madre che allattava e per Tomaso.

    Mio nonno prese un pò di quel grano, lo portò al mulino per farlo macinare. Tornò con una quarantina di chili di farina, mia madre abituata da sempre ad impastare, non perse tempo, si mise subito al lavoro.

    Preparò un bel pò di lasagne che riuscirono a cambiare l'umore a tutti, a stomaco pieno si ragiona e si vede meglio.

    Contemporaneamente, mia zia, si recò in comune per richiedere la tessera con i buoni, per avere qualche genere alimentare di prima necessità*, dallo spaccio.

    . . . . un giorno . . .


    Ecco nonna Maria Nicola, colei, che trasformò il piccolo Tomaso in una cassaforte ambulante. I soldi, per tutto quel periodo, non gli furono mai tolti di dosso.




    Grazie a tutti per il sostegno

    Remo





    Immagine:

    12*KB
    . . . AND WAS VIRTUALLY DESTROYED

  5. #25
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    Friuli-Venezia Giulia
    Messaggi
    1,758
    cavolo che storia..[^]
    [ciao2][ciao2] Franz
    scavare è bello!
    E’ un mondo difficile: vita intensa, felicità a momenti e futuro incerto...

  6. #26
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Liguria
    Messaggi
    8,022
    Interessante e bella integrazione.. aspettiamo il resto.. ciao
    Gigi "Viper 4"

    "...Non mi sento colpevole.. Ho fatto il mio lavoro senza fare del male a nessuno.. Non ho sparato un solo colpo durante tutta la guerra.. Non rimpiango niente.. Ho fatto il mio dovere di soldato come milioni di altri Tedeschi..." - Rochus Misch dal libro L'ultimo

  7. #27
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611
    Bene Remo continuo a leggerti []
    [ciao2]
    luciano

  8. #28
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Campania
    Messaggi
    58
    Caro Remo ho letto , tardivamente la tua storia, bella , suggestiva e già* sentita ....... perche è la storia di tanti Italiani in quegli anni bui .....La mia famiglia è di Vasto, a pochi chilometri dal fiume Sangro ..... che mio padre ha sempre ricordato rosso del sangue dei Canadesi che ci hanno combattuto eche oggi son sepolti a migliaia nel cimitero militare che guarda tra mare e fiume ...... Questa estate verrò a Tollo per vedere e partecipare a questa manifestazione . Ti ringrazio per tutto quello che ricordi..... Michele Ruzzi
    non più con oro e argento difenderemo le nostre case ma con piombo e acciaio

  9. #29
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    88
    Grazie Michele, sarò contento di conoscerti personalmente, condivideremo le nostre esperienze familiari, ti ho inviato un messaggio privato e anche una mail, non so se questa ultima ti è arrivata, il tuo indirizzo mail nel messaggio privato aveva un errore oppure non si leggeva bene.
    Fammi sapere . . . comunque questa è la mia mail:

    remo.tiberio@alice.it


    scrivimi pure quando vuoi


    Ciao a tutti




    Immagine:

    12*KB
    . . . AND WAS VIRTUALLY DESTROYED

  10. #30
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Abruzzo
    Messaggi
    88
    . . . . un giorno caricarono quelle misere cose rimaste, ma conservate gelosamente, e lasciarono Chieti.

    Si incamminarono verso Castiglione, prima di arrivare si fermarono varie volte. La notte trovarono riparo in un casolare abitato da una famiglia.
    I padroni di casa, vedendo mia madre con i bambini così piccoli, si impietosirono e li fecero accomodare in cucina, agli altri fu riservata la stalla.

    La mattina dopo ripartirono e mentre attraversano un ponte, videro in lontanza un aereo che volava basso, avvicinandosi sempre di più, si accorsero che puntava proprio verso di loro.

    Sui loro volti il terrore, il panico e la paura, pensarono subito che quel velivolo potesse, da un momento all'altro, sganciare una bomba.

    Cominciarono a scappare, l'aereo a bassa quota lanciò qualcosa di indefinito, andò a colpire uno dei profughi.

    Per fortuna non era niente di minaccioso, l'equipaggio si era semplicemente disfatto di uno scatolone vuoto.

    Finalmente arrivarono a Castiglione, i proprietari. della fattoria a loro destinata, li stavano aspettando.

    La mia famiglia fu fatta accomodare, nello scantinato, il locale era molto umido e l'odore della muffa toglieva il fiato, purtroppo furono costretti a viverci per qualche mese.

    Un giorno mentre mia madre . . . .



    Immagine:

    12,01*KB
    . . . AND WAS VIRTUALLY DESTROYED

Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato