Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 15

Discussione: Trovati nel Campo di battaglia di Verdun...

  1. #1
    Utente registrato L'avatar di Me ne Frego
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Londra
    Messaggi
    675

    Trovati nel Campo di battaglia di Verdun...

    Circa vent'anni fa', ancora giovane e scavezzacollo, mi inoltrai, con un'amico altrettanto incosciente, nei boschi che circondano Verdun, Francia.
    Vicino ai Forti di Douaumont e Vaux si notavano, se uno ha un po' d'occhio, tracce di trincee e numerose entrate a bunker sotterranei.
    Il terreno, colmo di materiale ferroso, non e' certamente adatto all'uso di un metal detector, tralaltro illegale, ma con un po' d'accortezza uno sa' dove cercare. Alla conclusione dei tre giorni, eravamo colmi di materiale, dai bossoli alle cartucce non sparate, elmetto, bombe a mano, shrapnel, borracce e cosi via. Che fine hanno fatto tutte queste cianfrusaglie (a dire della signora)? Ma nel sottotetto ovviamente. Oggi tornato su' a cercare l'albero natalizio mi sono imbattuto nuovamente in due scatole contenenti i piccoli tesorucci che adesso vi mostro.
    Spero vi piacciano, le foto non sono le migliori ma danno un'idea.


    P1030972 copy.jpg

    P1030973 copy.jpg

    P1030977 copy.jpg
    Borraccia tedesca con targhetta incritta "SOMMERFELD 1916"

    P1030978 copy.jpg

    P1030979 copy.jpg

    P1030980 copy.jpg

    P1030985 copy.jpg

    P1030991 copy.jpg

    P1030993 copy.jpg

    P1030998 copy.jpg

    P1030988 copy.jpg

    P1030990 copy.jpg

    P1030994 copy.jpg

    P1030996 copy.jpg

    P1040001 copy.jpg

    P1040005 copy.jpg

    P1040004 copy.jpg

    P1030999 copy.jpg
    I love the smell of Napalm in the morning.

  2. #2
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576
    Caspita, tanta bella roba!
    Sapevo che molte zone teatro di combattimenti sono recintate ed assolutamente vietate alla circolazione a causa dell'elevato numero di ordigni presente.
    Lessi su "Le terre di Caino" che al ritmo attuale di bonifica il lavoro dovrebbe vedere il termine dopo il 2200...

    Vedendo la quantità dei pezzi postati, se sono una piccola parte, avete usato un carretto per riportare tutto indietro!

    Vedi se anche il Natale serve a qualcosa!
    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  3. #3
    Utente registrato L'avatar di Me ne Frego
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Londra
    Messaggi
    675
    Ciao Centerfire, Io invece lessi un libro intitolato "The War Walk, a Journey Along the Western Front" che descriveva in maniera molto accurata i vari teatri di combattimento, dai paesini di Fleury e di Ornes, ai Forti di Douaumont, Vaux, Souville e, sul lato ovest del fiume Mosa, la Collina dell'Uomo Morto, Collina 304 e cosi via....tutti da me' visitati. Non so in che stato sia la zona oggigiorno ma vent'anni fa' non vi erano recinti alcuni, solo cartelli "Pericolo di Morte" e l'occasionale Gendarme. Piu' pericoloso era l'inoltrarsi nel poligono di tiro vicino al Forte di Douaumont, attivo tutti i martedi, con l'occasionale carro armato, lanci di granate, bombe a mano e cosi via....ma non ricordo alcun recinto. Io poi ebbi la fortuna di acquistare una copia dell'ormai introvabile cartina dei Campi di Battaglia di Verdun, scala 1:20.000 (che ancora ho) dettagliante tutti i vari accessi ai forti, trincee, bunkers...una vera bibbia se alla ricerca di qualche gioiellino. Il terreno e' colmo di materiale ferroso ed i soli alberi che sopravvivono in un terreno cosi' povero sono i pini e qualche betulla....le zanzare in estate sono micidiali e se uno ha fortuna si becca anche una zecca o due....
    Reale e' comunque il pericolo, si trovarono numerosi ordigni inesplosi (molti nei canali e lunghi i bordi delle stradine, in attesa della raccolta da parte degli artificieri). Numerosi oggetti li trovammo seguendo le tracce dei cingoli dei mezzi pesanti della forestale che, scavando e disturbando il terreno portavano alla superficie molto materiale. Numerosi ordigni inesplosi da 75 a gas, il vero pericolo. Mai ma poi mai infilarsi nelle entrate di bunker sotterranei, molto instabili e proni al crollo improvviso. Si trovarono pure i poveri resti di un soldato tedesco....affiancato dal suo fucile.
    I love the smell of Napalm in the morning.

  4. #4
    Utente registrato L'avatar di AndreaBG
    Data Registrazione
    Dec 2013
    Messaggi
    255
    Complimenti per il ritrovamento, in Francia ci sono davvero parecchi terreni non bonificati ho visto personalmente ad Amiens, a 10 minuti in macchina dalla città, un campo minato della ww2 recintato malamente con del filo spinato, il filo era solo uno e talmente basso che qualsiasi bambino avrebbe potuto scavalcarlo, roba da matti...

  5. #5
    Utente registrato L'avatar di CHri
    Data Registrazione
    Mar 2013
    Località
    Cagliari
    Messaggi
    1,468
    Citazione Originariamente Scritto da AndreaBG Visualizza Messaggio
    Complimenti per il ritrovamento, in Francia ci sono davvero parecchi terreni non bonificati ho visto personalmente ad Amiens, a 10 minuti in macchina dalla città, un campo minato della ww2 recintato malamente con del filo spinato, il filo era solo uno e talmente basso che qualsiasi bambino avrebbe potuto scavalcarlo, roba da matti...
    Alla faccia.....non pensavo che i francesi fossero cosi negligenti! E poi fanno la ramanzina a noi italiani! Complimenti Me ne Frego, quanta bella roba!

  6. #6
    Utente registrato L'avatar di Lev
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    840
    Bellissimi ritrovamenti,grazie per averceli mostrati... posso solo immaginarmi l'emozione che hai provato a calpestare quei luoghi e a raccogliere questi suovenir.....a proposito di metal,mi e' stato riferito che ora l'uso del metal e' diventato legale anche in Francia.?
    Riguardo alle zone recintate a me non risulta che ci siano,solo cartelli che avvertono del pericolo,altrimenti dovrebbero recintare un quarto della Francia..

  7. #7
    Utente registrato L'avatar di Me ne Frego
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    Londra
    Messaggi
    675
    Citazione Originariamente Scritto da Lev Visualizza Messaggio
    Bellissimi ritrovamenti,grazie per averceli mostrati... posso solo immaginarmi l'emozione che hai provato a calpestare quei luoghi e a raccogliere questi suovenir.....a proposito di metal,mi e' stato riferito che ora l'uso del metal e' diventato legale anche in Francia.?
    Riguardo alle zone recintate a me non risulta che ci siano,solo cartelli che avvertono del pericolo,altrimenti dovrebbero recintare un quarto della Francia..
    Credo la legge No. 89-900 del 18 Dicembre 1989 stipuli non si possano usare i metal detectors vicino a monumenti o siti storici se non prima di avere ottenuto vari permessi dalla Prefettura.....io non ci proverei nemmeno anche perche' il terreno e' colmo di materiale ferroso ed il metal detector non farebbe altro che andare in tilt (non che io abbia provato...;-))
    L'emozione era enorme, cosi come l'adrenalina....il trovare materiale che non vedeva luce da 70+ anni, il pericolo di mettere un piede nel posto sbagliato, il giocare a nascondino con la Gendarmerie, la pulizia degli oggetti.
    Io ci tornerei al volo se trovassi qualcuno veramente interessato!
    I love the smell of Napalm in the morning.

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    315
    Ho frequentato quelle zone più volte, grazie al fatto di avere una cugina che vive in Francia da molti anni, effettivamente di roba pericolosa ce ne è tanta, alle volte anche in posizioni ben visibili perché in attesa di essere rimossi dagli artificieri. Anche i Francesi però, non navigando nell'oro, hanno nei fatti sospeso gli interventi di bonifica a "tappeto" di quelle zone , da circa 15 anni limitandosi a interventi su segnalazione per situazioni di imminente pericolo.

  9. #9
    Utente registrato L'avatar di enrico62
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    vicenza
    Messaggi
    447
    Vi invito a leggere " Le terre di Caino " descrive la visita di questo scrittore ai campi di battaglia degli ultimi conflitti: E' molto interessante la descrizione del modo di operare degli artificeri francesi, di come e dove vengono accatastati i vari ordigni e come vengono fatti brillare. Interessante anche il capitolo dedicato al secondo conflitto mondiale riguardante il campo di battaglia nei territorii attorno a Stalingrado

  10. #10
    Utente registrato L'avatar di enrico62
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    vicenza
    Messaggi
    447
    le terre di caino - quel che resta della guerra.jpg

    questa è la copertina del libro

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato