Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 21 a 30 di 30

Discussione: Truffa "postale" ...

  1. #21
    Moderatore L'avatar di icarus68
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Messaggi
    2,549

    Re: Truffa "postale" ...

    Citazione Originariamente Scritto da mufasa
    .... ho letto con attenzione e penso che la sfiducia delle forze dell'ordine sulla risoluzione della cosa (e la relativa tranquillità del truffatore) sia nel nostro sitema giudiziario che come tempi, costi, graranzie non sembra quasi mai dalla parte di chi subisce!
    ...io penso - e con me gente infinitamente più autorevole di me - che il nostro buon vecchio Codice Rocco sia uno tra i migliori al mondo.

    Non voglio addentrarmi in discorsi che qui sono peraltro vietati dal Regolamento del Forum, ma il punto è che la risoluzione di tutto quanto lascia -troppo!- sovente a desiderare, tempi del giudizio, applicazione delle pene, risarcimenti alle vittime dei reati, etc, etc, rientra nella sfera delle decisioni del Legislatore, cioè della Politica.

  2. #22
    Utente registrato L'avatar di Mezza1983
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    220

    Re: Truffa "postale" ...

    Citazione Originariamente Scritto da icarus68
    ....Premesso che immagino ci si parli tra persone adulte, e quindi saprai ben da te come regolarti in questa spiacevole vicenda, se accetti anche il mio parere, io ti consiglierei comunque di presentare formale denuncia/querela per truffa presso qualunque Ufficio delle FF.OO. così che venga compiuta un'attività d'indagine e, conseguentemente, venga aperto un apposito fascicolo giudiziario.

    Poi, come giustamente qualcuno faceva notare, se hai qualche elemento che possa aiutare a "stringere il cerchio" sul delinquente che ha abusato della tua fiducia - e ti ha fregato i soldi - lo circostanzierai nelle dichiarazioni che rilascerai.

    Non pensiamo, lasciandoci sfiduciare, che mai nessuno viene acciuffato, perchè non è così.
    Le Forze di Polizia il loro lavoro lo fanno, eccome!
    Se poi l'applicazione della Legge, in Italia, consente di sfuggirle a troppi pesci - grandi o piccoli che siano - quello è un altro discorso.

    La passività del cittadino/vittima di fronte all'atto delinquenziale -sebbene possa apparire "minore" - non può che favorire chi campa di espedienti simili (e sovente sono vere e proprie organizzazioni).

    Ritengo che solo se la Polizia Giudiziaria riceve tot denunce di per una fattispecie "X" di reato e le trasmette alle rispettive Procure, si può legittmamente sperare -e pretendere- che chi di dovere si attivi, magari anche "solo" imponendo agli amministratori di determinate forme di compravendita per annunci di offrire maggiori garanzie o fare una selezione a monte degli inserzionisti.

    Un caro saluto,
    Icarus68.
    Quoto 100%
    Mattia

    Poi non è vero quello che dice Stefano c ( o per lo meno non sempre) che queste persone sono già sicure al 100% di cavarsela,
    da esperienze di amici che avevano avuto fregature di valori anche più alti e conoscevano indirizzo e N° di tel. ma non agivano per evitare scocciature. I truffatori si basano soprattutto su questo!
    Mattia

  3. #23
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2010
    Località
    Firenze
    Messaggi
    184

    Re: Truffa "postale" ...

    Anche a me e' capitata una mezza truffa, avevao acquistato un 42 e mi e' arrivato un 34... fortunatamente avevo pagato con Paypal e ho potuto bloccare il pagamento finche' il tizio non ha restituito i soldi, a quel punto ho rispedito il pacco al mittente.

  4. #24
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,036

    Re: Truffa "postale" ...

    Sara' anche un truffatore scafato, tuttavia il pagamento Postepay del destinatario ha
    un numero ben identificabile ed ora, da un paio di mesi, anche il codice fiscale.
    Quindi, una denuncia non si dovrebbe risolvere in una bolla di sapone. Cio' che ha di strano questa faccenda e' lo 'sfregio' del mattone nel pacco. Un comune truffatore non avrebbe certamente mandato nulla.Boh,c'è qualcosa che non mi torna.PaoloM

  5. #25
    Moderatore L'avatar di Gertro
    Data Registrazione
    Oct 2010
    Località
    Italia - Puglia
    Messaggi
    3,518

    Re: Truffa "postale" ...

    Citazione Originariamente Scritto da marpo
    Cio' che ha di strano questa faccenda e' lo 'sfregio' del mattone nel pacco. Un comune truffatore non avrebbe certamente mandato nulla.Boh,c'è qualcosa che non mi torna.PaoloM
    Ciao, evidentemente il truffatore, se individuato, si difendera' dicendo che lui l'elmo lo aveva effettivamente spedito e non puo' essere ritenuto responsabile di quello che e' successo dopo, a maggior ragione che l'elmo era stato pagato prima ancora di essere spedito. In questi casi infatti il rischio della spedizione grava sull'acquirente proprietario. Ciao.

  6. #26
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    dove non sarei mai finito se fosse dipeso solo da me
    Messaggi
    695

    Re: Truffa "postale" ...

    Citazione Originariamente Scritto da marpo
    ...lo 'sfregio' del mattone nel pacco. Un comune truffatore non avrebbe certamente mandato nulla.Boh,c'è qualcosa che non mi torna.PaoloM
    Lo "sfregio" é tutt'altro che un gesto beffardo , é un'accorgimento scaltro. Inserendo in un pacco una qualsiasi cosa che pesi, il destinatario avverte che quel pacco non é vuoto e lo riceve, il mittente può validamente sostenere di aver spedito effettivamente un oggetto e, purtroppo, la vedo dura dimostrare il contrario ovvero dimostrare che il contenuto non sia stato sostituito "in itinere" e/o da terzi. Faccio qui l'avvocato del diavolo, ma una circostanza del genere é possibile, anche se quanto infrequente, poco plausibile o istintivamente inaccettabile . Come sa chi lavora in ambito legale o giudiziario, per dimostrare che un fatto é quello e solo quello, bisogna anche poterne ragionevolmente escludere il contrario.
    Preciso che sia la norma civilistica, sia gli usi nel trasporto fino ai dettagliatissimi Incoterms, contemplano come rischi della spedizione il danno / l'avaria o la perdita (nell'accezione giuridica del termine) della cosa trasportata, non la sua sostituzione fraudolenta. Nel caso di specie, il venditore , consegnando la cosa compravenduta al vettore (trasportatore) si libera sì dall'obbligo di consegnare la cosa all'acquirente, ma non dall'obbligo di vendere la cosa pattuita oggetto della compravendita. Paradossalmente si potrebbe dover dimostrare che la cosa consegnata al vettore fosse diversa e questo potrebbe essere non facile. O dover "chiamare in causa" il vettore.
    Mi spiace ammantare il tutto di pessimismo, ma per lavoro mi sono imbattuto e m'imbatto in situazioni simili : rimanere "cornuti e mazziati" capita più sovente di quanto si creda .
    Aggiungo infine che, nell'ipotesi di procedibilità della denuncia-querela , la persona offesa deve costituirsi parte civile per riavere il prezzo pagato ed i costi sostenuti. Un'eventuale condanna penale non comporta "per se" il ristoro del danno economico.
    MP

  7. #27
    Moderatore L'avatar di coloniale
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Località
    Ducato di Parma - Emilia Romagna -
    Messaggi
    4,858

    Re: Truffa "postale" ...

    Citazione Originariamente Scritto da MarcoPennisi
    Citazione Originariamente Scritto da marpo
    ...lo 'sfregio' del mattone nel pacco. Un comune truffatore non avrebbe certamente mandato nulla.Boh,c'è qualcosa che non mi torna.PaoloM
    Lo "sfregio" é tutt'altro che un gesto beffardo , é un'accorgimento scaltro. Inserendo in un pacco una qualsiasi cosa che pesi, il destinatario avverte che quel pacco non é vuoto e lo riceve, il mittente può validamente sostenere di aver spedito effettivamente un oggetto e, purtroppo, la vedo dura dimostrare il contrario ovvero dimostrare che il contenuto non sia stato sostituito "in itinere" e/o da terzi. Faccio qui l'avvocato del diavolo, ma una circostanza del genere é possibile, anche se quanto infrequente, poco plausibile o istintivamente inaccettabile . Come sa chi lavora in ambito legale o giudiziario, per dimostrare che un fatto é quello e solo quello, bisogna anche poterne ragionevolmente escludere il contrario.
    Preciso che sia la norma civilistica, sia gli usi nel trasporto fino ai dettagliatissimi Incoterms, contemplano come rischi della spedizione il danno / l'avaria o la perdita (nell'accezione giuridica del termine) della cosa trasportata, non la sua sostituzione fraudolenta. Nel caso di specie, il venditore , consegnando la cosa compravenduta al vettore (trasportatore) si libera sì dall'obbligo di consegnare la cosa all'acquirente, ma non dall'obbligo di vendere la cosa pattuita oggetto della compravendita. Paradossalmente si potrebbe dover dimostrare che la cosa consegnata al vettore fosse diversa e questo potrebbe essere non facile. O dover "chiamare in causa" il vettore.
    Mi spiace ammantare il tutto di pessimismo, ma per lavoro mi sono imbattuto e m'imbatto in situazioni simili : rimanere "cornuti e mazziati" capita più sovente di quanto si creda .
    Aggiungo infine che, nell'ipotesi di procedibilità della denuncia-querela , la persona offesa deve costituirsi parte civile per riavere il prezzo pagato ed i costi sostenuti. Un'eventuale condanna penale non comporta "per se" il ristoro del danno economico.
    MP
    purtroppo concordo in tutto...
    secondo te , aprire il pacco con il corriere presente , potrebbe in una futura controversia col mittente, essere una scelta valida? la testimonianza del postino sarebbe accettata come prova in un procedimenti?
    ciao Nicola
    "coloniale"

    SUMMA AUDACIA ET VIRTUS!

  8. #28
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Mai fermo!
    Messaggi
    263

    Re: Truffa "postale" ...

    Citazione Originariamente Scritto da coloniale

    purtroppo concordo in tutto...
    secondo te , aprire il pacco con il corriere presente , potrebbe in una futura controversia col mittente, essere una scelta valida? la testimonianza del postino sarebbe accettata come prova in un procedimenti?

    Non riesco a trovare l'articolo , ma proprio pochi giorni fa è successo quello che ti chiedi... con il conseguente arresto del truffatore!

  9. #29
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    dove non sarei mai finito se fosse dipeso solo da me
    Messaggi
    695

    Re: Truffa "postale" ...

    [/quote]
    purtroppo concordo in tutto...
    secondo te , aprire il pacco con il corriere presente , potrebbe in una futura controversia col mittente, essere una scelta valida? la testimonianza del postino sarebbe accettata come prova in un procedimenti?[/quote]

    A mio avviso sì.
    Anche se la circostanza é inversa, qualche settimana fa al lavoro ce la siamo cavata da una contestazione (vizi di qualità) altrimenti inopponibile, proprio grazie al corriere che ha testimoniato, benché a distanza di tempo dalla consegna, come il reclamo del destinatario fosse inventato di sana pianta. Un'altro accorgimento per il destinatario, al fine di poter in qualche modo mettere le mani avanti, é quello di ricevere la merce "con riserva" riportando tale dicitura sulle copie dei documenti di trasporto che rimangono al vettore e/o tornano al destinatario. Tutto questo , si badi bene, non garantisce di vedere le proprie ragioni riconosciute, perché ciò dipende dalle circostanze eda altri fattori.
    Rimane , comunque, un problema d'ordine pratico: l'ansioso Corriere o il mite Postino saranno disposti a scartare i ns. pacchi assieme a noi? Ho qualche dubbio.
    Il caso ci deve invece far riflettere sulle modalità con cui é cambiato (in peggio) il ns. mondo, anche collezionisticamente parlando. La Rete ha spalancato opportunità impensabili e innumerevoli , sia per acquisire o cedere i ns. oggetti, sia per "tirare pacchi". L' immediatezza e la fruibilità di InterNet ci ha fatto dimenticare rischi , che non sono per questo diminuiti , e cautele. La prassi del "feedback" ha cercato di sopperire a questo, ma episodi come questo che attestano come il problema sia tutt'altro che risolto.
    MP

  10. #30
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    dove non sarei mai finito se fosse dipeso solo da me
    Messaggi
    695

    Re: Truffa "postale" ...

    [quote] Un'altro accorgimento per il destinatario, al fine di poter in qualche modo mettere le mani avanti, é quello di ricevere la merce "con riserva" riportando tale dicitura sulle copie dei documenti di trasporto che rimangono al vettore e/o tornano al destinatario. [quote]

    Errata corrige: le copie dei documenti di trasporto che .... tornano al m i t t e n t e .
    MP

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato