Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: U-BOOTE Tedesco nel Mar Nero

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Località
    San Francesco al Campo(TO)
    Messaggi
    4,463

    U-BOOTE Tedesco nel Mar Nero

    Riporto tale e quale una notizia reperita adesso in rete.
    [ciao2]Gianfranco

    La flotta perduta di HitlerRitrovato nel Mar Nero un sommergibile della seconda guerra mondialePubblicato in Scienze e tecnologie|TAG: u-boot, uboot, sottomarino, sommergibile, hitler


    L'Enciclopedia in Rete
    U-boot


    Sottomarino

    Il rinvenimento degli U-boot tedeschi
    vai alla fotogallery
    Il relitto di un U-boot tedesco della seconda guerra mondiale è stato ritrovato sul fondo del Mar Nero. Altri due sottomarini dovrebbero essere nelle vicinanze.
    Gli abitanti delle coste turche nei pressi della città* di Zonguldak sapevano dell'esistenza dei sommergibili da 60 anni e le ricerche della marina erano cominciate nel 1994.

    Si tratta di relitti appartenenti a una miniflotta di 6 esemplari che operò nel Mare del Nord all'inizio della seconda guerra mondiale. Gli U-19, U-20 e U-23 furono poi trasferiti nel Mar Nero durante la campagna di Russia.

    La loro avventura cominciò negli anni Trenta. Furono protagonisti del riarmo tedesco di quel decennio e pattugliarono le coste spagnole durante la guerra di Spagna. Si trattava di modelli II-B, soprannominati "Einbaum" (piroga) per la loro agilità*. Erano economici e veloci da produrre alla catena di montaggio.

    Con lo scoppio della seconda guerra mondiale, si rivelarono esemplari troppo piccoli per la caccia ai convogli Alleati nell'Atlantico e nel Mare del Nord. Con l'inizio della campagna di Russia, furono così trasferiti ai fondali meno profondi del Mar Nero. Tra il 1941 e il 1944 affondarono 45.000 tonnellate di navi russe.

    Fu un'avventura anche il modo in cui giunsero nel Mar Nero. La Germania voleva evitare di violare la neutralità* della Turchia, i sommergibili vennero perciò smontati e fatti viaggiare via terra perché non entrassero nelle acque territoriali di quel Paese. Ognuno pesava "solo" 280 tonnellate, non fu difficile coprire i 3300 km del viaggio dal Mare del Nord, in un'Europa continentale che nel 1941 era interamente occupata dai tedeschi.

    Quando l'Armata Rossa invase la Romani nel 1944, ai marinai fu ordinato di affondare gli U-boot e di riparare in Turchia, dove furono internati fino alla fine della guerra.

    L'ingegnere navale Selcuk Kolay,a capo della spedizione di recupero, ha utilizzato radar, sommozzatori tedeschi e testimonianze dei marinai sopravvissuti per rintracciare i relitti. L'U-20 si trova 2 miglia al largo, a circa 25 metri di profondità*. Sarebbe in buone condizioni.
    Kolay ritiene di avere rintracciato anche l'U-23 a 50 e l'U-19 a ben 450 metri di profondità*.



    L'U-boot di Saint-Nazaire
    Gianfranco

  2. #2
    Banned
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Messaggi
    759
    [vedo]

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    37,658
    Interessantissimo.Mi mandi il link che ci vado a dare un'occhiata?

  4. #4
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Umbria
    Messaggi
    1,071
    http://uboat.net/
    ciao, Luca
    MEMENTO AUDERE SEMPER

  5. #5
    Utente registrato L'avatar di kanister
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Savona
    Messaggi
    5,218
    La notizia è anche apparsa una decina di giorni fa su LA STAMPA.
    Non vediamo la storia per come è ma per come siamo.

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Bologna
    Messaggi
    7,022
    Che bello, grazie della segnalazione. [ciao2]

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    15,611
    Ciao Gianfranco interessante questa cosa.
    [ciao2]
    luciano

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •