Risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Un libro sui prigionieri italiani in URSS

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2012
    Località
    Savona
    Messaggi
    28

    Un libro sui prigionieri italiani in URSS

    M.T. GIUSTI
    I prigionieri italiani in Russia
    anno di pubblicazione 2009

    "Una ricerca storica e uno studio che, forse, diranno una parola definitiva sull'argomento" (Mario Rigoni Stern)

    Fondato su materiale inedito proveniente dagli archivi ex sovietici e sulle testimonianze dei sopravvissuti, questo libro ricostruisce nella sua completezza il destino dei soldati italiani fatti prigionieri dai sovietici nella seconda guerra mondiale.
    Dal momento della cattura alle massacranti marce del "davaj" verso i primi campi di raccolta nelle retrovie, dalla vita nei lager al difficile e contrastato rimpatrio, fino alla "contabilità" dei morti e dei dispersi: una ricostruzione terribile, che con l'eloquenza spassionata dei fatti illumina un luogo ancora vivo e dolorante della memoria italiana.

    Il saggio di Maria Teresa Giusti, racconta per la prima volta, sulla base degli archivi sovietici, la prigionia dei soldati italiani in URSS durante la seconda guerra mondiale.

    La partecipazione italiana all’attacco all’Unione Sovietica scatenato dalla Germania nazista nel giugno 1941 probabilmente fu, delle imprese belliche volute da Mussolini, quella di più tragico esito.
    E tanto più lo fu per quei militari italiani che caddero prigionieri dei russi.
    Fra i prigionieri di guerra in mano sovietica, gli italiani ebbero, infatti, la percentuale maggiore di morti.
    Dai lager russi, a guerra finita, non tornarono che poche migliaia di reduci.
    Su questi temi si è scritto molto.
    Memorie di testimoni, indagini storiche e polemiche politiche hanno tenuto desta l’attenzione su un tema che, tuttavia, finché è durata l’inaccessibilità degli archivi storici, rimaneva mal conosciuto.
    Lavorando su materiale inedito di fonte russa, oltre che sulle testimonianze dei sopravissuti, Maria Teresa Giusti ha documentato per la prima volta nella sua completezza il calvario dei prigionieri italiani in Russia, dal momento della cattura alle massacranti marce verso i primi campi di raccolta nelle retrovie, dalla vita nei lager al difficile e contrastato rimpatrio che, per alcuni, si concretò solo nel 1954.

    La documentazione raccolta da Maria Teresa Giusti ha consentito di identificare la rete dei campi di prigionia, di stabilire la “contabilità” degli internati e dei morti, di conoscere attraverso le direttive e i decreti l’atteggiamento dei sovietici verso i prigionieri e il concreto funzionamento dei campi.

    Da I prigionieri italiani in Russia emerge una ricostruzione terribile che, con l’eloquenza spassionata dei fatti, illumina un luogo ancora vivo e dolorante della memoria italiana colmando una lacuna storica con una ricostruzione obiettiva resa possibile dall’accesso ad archivi riservati.

    Maria Teresa Giusti insegna Storia della Russia nella Facoltà di Lettere dell'Università d'Annunzio a Chieti.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato