Risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Un libro sulla guerra civile spagnola

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2012
    Località
    Savona
    Messaggi
    28

    Un libro sulla guerra civile spagnola

    Antifascisti savonesi e guerra di Spagna
    "Miliziani rossi" e altri "sovversivi" nelle carte della Regia Questura di Savona, Savona, 2009

    La prima parte del libro è dedicata alle vicende personali di ventisei combattenti nelle Brigate Internazionali: i "miliziani rossi". Allo scoppio della guerra civile spagnola, ben ventuno dei ventisette antifascisti savonesi, che parteciperanno alla guerra civile, erano già espatriati negli anni '20 e '30. La maggior parte "fuorusciti" per motivi politici, in quanto avversari del regime fascista, ma anche per motivi di lavoro. Il caso di Gazzaniga Carlo, che si arruola volontario nel Corpo di spedizione italiano inviato da Mussolini (C.T.V.) , è particolare, perché era condannato ad una pena detentiva. Sei antifascisti espatriano clandestinamente solo per motivi ideologici: Bianchi Libero, Dughetti Giuseppe, Pajetta Pietro, Siri Francesco, Spallarossa Carlo, Strazzi Attilio.
    Durante la guerra tre muoiono in combattimento: Dughetti Giuseppe, Siri Francesco, Strazzi Attilio. Al termine della guerra civile spagnola, dopo la "retirada" e il conseguente l'internamento nei campi di concentramento francesi, otto reduci delle Brigate Internazionali sono restituiti alle autorità italiane, in base alle clausole dell'armistizio italo - francese del 1940.
    Subiscono l'assegnazione al confino a Ventotene: Bianchi Libero, Carpino Tommaso, Cecchin Costanzo, Giordano Stefano, Isolica Amedeo, Tamponi Ottavio, Torcello Silvio, Vallarino Luigi.
    L'ex prigioniero dei "miliziani rossi", Gazzaniga Carlo, è condannato al carcere militare a Gaeta.
    Dall'8 settembre 1943, quattordici antifascisti prendono parte alla lotta di Liberazione in Italia e in Francia: alcuni ricoprono incarichi di comando, conseguenza dell'esperienza spagnola: Belviso Emilia, Bianchi Libero, Calandrone Giacomo, Carpino Tommaso, Cecchin Costanzo, Gazzaniga Carlo, Giordano Stefano, Isolica Amedeo, Marzocchi Umberto, Oxilia Italo, Pajetta Pietro, Raspino Vincenzo, Torcello Silvio, Vallarino Luigi. Quattro di essi perdono la vita: Cecchin Costanzo, Pajetta Pietro, Raspino Vincenzo, Torcello Silvio.
    La seconda parte del lavoro è dedicata a diciannove antifascisti, i "sovversivi", che a Savona, durante la guerra civile spagnola, che hanno cooperato mediante l'arruolamento di volontari e la propaganda antifascista con l'ascolto delle trasmissioni radio: essi sono stati arrestati, durante le operazioni anticomuniste organizzate dall'OVRA nel 1937 - 1938. Quattro sono condannati dal Tribunale Speciale alla detenzione in carcere: Cardona Paolo, Garabello Ambrogio, Palmieri Alcibiade, Trevisan Pietro. Otto sono assegnati al confino di polizia: Bertazzoni Dario, Crotta Giuseppe, Ghitti Lorenzo, Lunardelli Amilcare, Nesti Ettore, Nizza Ugo, Pirotti Giovanni, Udine Carlo. Sette sono sottoposti al vincolo dell'ammonizione: Bozzano Vincenzo, Cardi Giovanni, Giacchero Bartolomeo, Ternelli Giusto, Urchi Giuseppe, Viano Giuseppe, Vigo Tommaso.
    Nei fascicoli personali di sono state trovate lettere scritte a famigliari e amici di: Bianchi Libero, Calandrone Giacomo, Carpino Tommaso, Casella Antonio, Gazzaniga Carlo, Isolica Amedeo, Oxilia Italo, Pajetta Pietro, Spallarossa Carlo, Vallarino Luigi. La corrispondenza diretta era sottoposta a controllo, veniva trascritta e successivamente documento di prova per l'assegnazione al confino di polizia.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •