Risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Un libro sulla resistenza vista dai prefetti della RSI

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2012
    Località
    Savona
    Messaggi
    28

    Un libro sulla resistenza vista dai prefetti della RSI

    Antonio Martino
    Attività ribelli. La Resistenza savonese nei rapporti dei prefetti (gennaio 1944 - aprile 1945), Roma, 2011.

    Il corpo documentario che viene presentato serve agli studiosi che vogliano leggere i fatti della Resistenza da una visuale diversa, cioè dalla parte avversaria, da chi quei fatti li doveva contrastare ma che spesso otteneva scarsi risultati.
    I rapporti inviati dai prefetti e dai questori ai loro superiori durante la Repubblica Sociale sono caratterizzati dalla capillarità e dalla tempestività.
    Ma le segnalazioni delle attività dei ribelli spesso si limitano alla descrizione dei fatti criminosi: all'inizio del movimento resistenziale sono prevalenti i furti di armi e di alimenti, di materiali dalle industrie, di denaro ai proprietari collaborazionisti effettuati da ignoti per passare nel corso dei mesi ad azioni militari vere e proprie, a sabotaggi, a incursioni su presidi isolati.
    I "ribelli" restano anonimi per molti mesi, dalle prime segnalazioni inviate nel gennaio 1944 si dovrà attendere fino al 7 giugno, quando verrà identificata una banda capeggiata da Matteo Abindi, detto "il biondino". Le notizie confidenziali fornite dagli informatori sono sempre vaghe e inattendibili, esse sono il frutto di un'attività cospirativa ben organizzata.
    • Per poter visualizzare questa immagine devi essere registrato o fare il login



Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •