Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 16 di 16

Discussione: Uniforme da guerra 1940.

  1. #11
    Utente registrato L'avatar di giancarlo croce
    Data Registrazione
    Nov 2013
    Località
    teramo
    Messaggi
    77
    materiale da fine del mondo

    giancarlo

  2. #12
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2013
    Messaggi
    235
    Innanzitutto si tratta di un busto (il mezzobusto è quello del giornalista televisivo).
    Il copricapo è un cappello da Carabiniere coin fodera antiriflesso.
    Lucerna è una denominazione impropria.
    Il revolver mod. 89 (comunemente detto Bodeo dal nome dell'armaiolo Carlo Bodeo che brevettò il meccanismo e le modifiche di semplificazione per il revolver mod. 74) rimase in dotazione a molte truppe di II^ linea, alla Regia Polizia e alla R.Guardia di Finanza anche durante la guerra.
    Per quanto riguarda l'Arma invece, seppur il contingente impiegato nella campagna in A.O.I. era ancora dotato di revolver, tra il 1937 e il 1939 fu completata la distribuzione delle pistole semiautomatiche mod. 34 in cal. 9 corto anche ai militari dei battaglioni mobili.
    Pare che gli ultimi ad essere interessati alla sostituzione furono i Carabinieri del Reggimento a cavallo ma, anche loro, prima dell'entrata in guerra avrebbero dovuto essere dotati della pistola semiautomatica.
    Per cui la composizione raffigurata, seppur fantastica nella analisi e valorizzazione di ogni singolo pezzo, non è coerente.
    L'utilizzo di cappello da carabiniere con telino antiriflesso (qui fregiato con fregio da berretto a busta utilizzato anche per il telino) dovrebbe rientrare nei territori extranazionali e bellici (ad esempio nella campagna di Francia del 1940).
    Parimenti l'utilizzo della giubba che doveva venir abbinata a camicia grigioverde e cravatta nera piuttosto che al maglione a collo alto.
    La bandoliera in cuoio grigioverde era comune all'Arma (che la utilizzò anche nel dopoguerra) ma dovrebbe essere abbinata alla fondina bivalente (da bandoliera e cintura) per pistola semiautomatica).
    Seppur non ritenga impossibile l'uso della fondina da revolver illustrata, evidenzio che però l'Arma inoltre utilizzava in epoca precedente una fondina per revolver specifica che era chiusa da un piolo metallico anzichè dal cinturino inserito nella maglietta quadrangolare.
    Quest'ultimo tipo di fondina era destinata agli altri reparti.
    db


    Citazione Originariamente Scritto da milit73 Visualizza Messaggio
    a tutti,

    veramente uno spettacolo di mezzobusto .
    Con la lucerna poi . . .

    Mi permetto di rispondere alla domanda sulla Bodeo.
    E' stata usata tantissimo anche come arma d'ordinanza nella seconda guerra mondiale.
    In particolar modo da reparti non di primissima linea quali ad esempio i RRCC o le truppe di Sanità* ( per uso esclusivo di legittima difesa ! ) o gli Autieri.
    Le Beretta 34 erano destinate chiaramente agli ufficiali di qualsiasi grado e ai reparti per così dire "combattenti".

    Ciao
    Michele

  3. #13
    Utente registrato L'avatar di Nei Secoli Fedele
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    312
    Tutto molto bello. L'unica cosa che rivedrei (personalmente si intende) è quel maglioncino a collo alto, variante che ignoravo completamente.
    " Usi obbedir tacendo e tacendo morir....."

  4. #14
    Utente registrato L'avatar di nelson
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Messaggi
    36
    Citazione Originariamente Scritto da Waffen Visualizza Messaggio
    BELLA! Per quanto la Bodeo è normalissima,mio nonno in servizio nella G.d.f la usava come arma di ordinanza nel 1950!
    Il film "benvenuti ad ischia" puo' forse confrmare la cosa. Un giovanissimo Modugno, lo possiamo inquadrare negli anni cinquanta? In quel film alcuni finanzieri in divisa, al cinturone, portavano proprio quella fondina.
    amo le STORIE di quelli che non hanno fatto la Storia.

  5. #15
    Utente registrato L'avatar di adriano
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    1,047
    Il film si intitola "Appuntamento ad Ischia" di Mario Mattoli ed è del 1960...

    Vedi: Appuntamento a Ischia - Wikipedia

  6. #16
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2013
    Messaggi
    235
    Nel dopoguerra i materiali erano eterogeni sia per le Forze Armate che per le Forze di Polizia. E non parliamo dei Corpi Armati dello Stato e per le Vigilanza di Enti decentrati. Per quanto riguarda le armi corte, l'Esercito e l'Arma dei Carabinieri (che faceva parte dell'E.I.) avevano in dotazione la Beretta 34 in calibro 9 corto che portarono da lì a molti anni ancora. Il Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza invece venne equipaggiato con le Beretta 34 in calibro 9 corto (ad esempio Polizia della Strada) e le 35 in calibro 7,65 (Uffici della Questura e dei Commissariati, Polizia Ferroviaria, Polizia Postale). A talune squdre investigative furono assegnate Beretta in calibro 6,35 e addirittura revolver italiani prodotti a Brescia in calibro 7,65 oppure in 320. Il Corpo della Guardia di Finanza fu ancora più eterogeneo poichè per tutti gli appartenenti convivevano pistole semiautomatiche Beretta in calibro 9 corto e in calibro 7,65 (credo Beretta 35 ma non mi stupirei se nel mezzo ci fossero state anche 17 e 22) e revolver modello 1889 delle quali la maggior parte risultava prodotta o modificata dalla Bernardelli.
    La stessa sorte toccò al rinnovato Corpo Forestale dello Stato anche se lì sembra che sin da subito si optò per la pistola semiautomatica Beretta in calibro 7,65 mantenendo fino a tutti gli anni '80 la modello 35.

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato