Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 24

Discussione: Uniformi C.I.L. e Gruppi di Combattimento

  1. #1
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Località
    Liguria
    Messaggi
    771

    Uniformi C.I.L. e Gruppi di Combattimento

    Questa foto mi sembra interessante.

    Immagine:

    82,28Â*KB

    Scattata a Firenze, raffigura un artigliere (o geniere) paracadutista
    che sul bavero porta le mostrine metalliche adottate nel 1945-46 e mantenute fino alla fine degli anni 40, in testa il basco Grigio-Verde con un fregio ricamato in filo nero.
    Il Battle-dress sembra quello Inglese M37, ma non sono sicuro.
    Secondo me è stata scattata nel 1945-46.

    Che differenze ci sono tra il Battle-dress inglese e quello Italiano Bost-Bellico?
    Il Battle-dress Inglese fino che anno fu usato?

  2. #2
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    1,230
    Il battle dress è un modello 1937, ma non sembrerebbe essere canadese a causa dei bottoni di plastica: potrebbe essere NZ australiano (ma non so se ne siano stati distribuiti agli italiani) o indiano (qualche cosa della fodera me lo farebbe pensare): quello italiano aveva il colletto aperto ed era di un panno di qualità* inferiore, e di colore più tendente al grigio di quello marroncino inglese. In ogni caso credo che il BD italiano sia degli anni '50 avanzati. Se guardi tra i militaria italiani, ci dovrebbe essere un thread sulla roba inglese usata dagli italiani nel primissimo dopo guerra, se ben mi ricordo.

  3. #3
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Trieste
    Messaggi
    1,177
    Attenzione! Il ragazzo nella foto non è un paracadutista, ma appartiene alla divisione "folgore", creata dopo l'8 setembre dal regno del sud. Ha continuato ad esistere anche nel dopoguerra, mantenendo le stesse mostrine che rappresentano un gladio e un'ala, che differiscono da quelle da parà* per l'assenza del paracadute.
    <Sleep, my friend, and you will see
    That dream is my reality
    They keep me locked up in this cage
    Can't they see it's why my brain says “rage”>

    Metallica - Welcome home (Sanitarium)




    Photobooks fortificazioni <----- NEW! : Fortezze nascoste


    THOR, ODIN'S SON, PROTECTOR OF MANKIND, RIDE TO MEET YOUR FATE, YOUR DESTINY AWAITS!
    Amon Amarth - Twilight of the thunder god

  4. #4
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,041

    Attenzione! Il ragazzo nella foto non è un paracadutista, ma appartiene alla divisione "folgore", creata dopo l'8 settembre dal regno del sud. Ha continuato ad esistere anche nel dopoguerra, mantenendo le stesse mostrine che rappresentano un gladio e un'ala, che differiscono da quelle da parà* per l'assenza del paracadute.
    Buzz, mi dispiace dissentire, ma il giovane appartiene al Gr. di Combattimento Folgore creato nell'autunno del 1944 con mostrine probabilmente del Genio paracadutisti (1944-45). Da cosa lo vedo? Dall'uso del basco. Dopo la guerra, i non paracadutisti della Divisione Fanteria Folgore non avevano il basco Mod. 1941!E portarono per lo piu' il battle dress 'color bottiglione' fatto in Italia.
    Questo e' un BD tipicamente inglese, quindi la foto puo' essere del 1944-46 al massimo, plausibile con l'utilizzo dei materiali che si vedono sulla foto.Nel periodo della foto, i paracadutisti, nonché i non paracadutisti assimilati al Gruppo di Combattimento Folgore portavano 'tutti' le stesse mostrine, senza paracadutino sopra, che venne moltissimi anni dopo. Foto interessante. [:X]PaoloM

  5. #5
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2007
    Località
    Trieste
    Messaggi
    1,177
    Non si finisce mai di imparare...
    <Sleep, my friend, and you will see
    That dream is my reality
    They keep me locked up in this cage
    Can't they see it's why my brain says “rage”>

    Metallica - Welcome home (Sanitarium)




    Photobooks fortificazioni <----- NEW! : Fortezze nascoste


    THOR, ODIN'S SON, PROTECTOR OF MANKIND, RIDE TO MEET YOUR FATE, YOUR DESTINY AWAITS!
    Amon Amarth - Twilight of the thunder god

  6. #6
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    1,596
    parliamo sempre di un parcadutista "Folgore" del CIL?

    ciao
    digjo
    Ciao
    digjo

  7. #7
    Moderatore L'avatar di Paolo Marzetti
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Italia-New Zealand
    Messaggi
    19,041
    Gruppo di Combattimento Folgore, non C.I.L. (Corpo Italiano di Liberazione).Nel periodo C.I.L. vennero usate ad esaurimento le uniformi italiane, fossero esse di tela che di lana g.verde.
    Nel periodo dei Gruppi di Combattimento (1944 inoltrato) vennero adottate le uniformi britanniche, con qualche capo d'abbigliamento di fabbricazione USA (camicie ,canotte e mutande, nonché calzettoni).
    I B.D.s consegnati furono generalmente di fabbricazione inglese e per la maggior parte canadese. Non mi risultano capi NZ, SA , AUS o IND, pero' qualche eccezione puo'anche esserci stata a seconda delle vicinanza o meno delle zone d'approvvigionamento. Interessante notare che alcuni reparti del C.I.L. (1943-44) giunsero alla cobelligeranza forzata, pressoché spogli di ogni abbigliamento. In tal caso gli inglesi provvidero, bonta' loro, a fornire B.D.s usati (alcuni presi ai cadaveri), spesso con vistosi buchi d'entrata e d'uscita dei proiettili. (Cfr: 'La Pelle' di Curzio Malaparte):in questo caso non era ancora la nuova uniforme di tipo inglese adottata nel 1944, bensi' un modo per vestirsi alla meglio. Qualche reparto di seconda linea, ci arrivo' fino alla fine della guerra con questa roba...umiliazione e miseria nera!
    [ciao2]PaoloM

    PS: osservando meglio la foto ad inizio thread, mi pare che il B.D. sia canadese, per via del tipo di bottoncino sulla controspallina sinistra.

  8. #8
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    1,596
    ciao Marpo..
    il CIL nato dai noti fatti, a quanto so fu inquadrato sotto la "Folgore" (la parte che si era ricostituita al Sud)
    non entro nel merito delle divise poichè non ho la vostra conoscenza..

    inoltre perchè parli di cobelligeranza forzata?..*(Interessante notare che alcuni reparti del C.I.L. (1943-44) giunsero alla cobelligeranza forzata, pressoché spogli di ogni abbigliamento)
    sempre da ciò che leggo e da alcune testimonianze di ufficiali l'Accademia di Livorno i cui compagni persero la vita nella strettoia Mignano-MonteLungo le adesioni per riscattare "L'onore"
    furono di massa..

    ciao
    digjo
    Ciao
    digjo

  9. #9
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Jan 2006
    Località
    Liguria
    Messaggi
    771
    Per digjo:
    Dalla maggior parte delle testimonianze di "cobelligeranti" che ho letto traspare invece una frustrazione paurosa; è possibile che in alcuni reparti il morale fosse più alto che in altri, ma,quasi tutti hanno continuato a combattere perchè non avevano scelta.
    Ad alcuni reparti venne "democraticamente" chiesto se preferivano continuare la guerra come combattenti o come reparto ausiliario, la truppa preferì sempre diventare "mulattieri" (a differenza degli ufficiali che preferivano tornare a combattere.
    La percentuale di diserzioni fu notevolmente alta tra i militari residenti nelle zone già* liberate, quelli delle zone non liberate non disertarono perchè non sapevano dove andare a rifugiarsi (ma ho letto testimonianze anche di disertori originari del Nord)

    Franco Brà§ndolo nel libro "Da Sud A Nord" descrive la sua esperienza nel Gruppo di combattimento Folgore anche lì si legge tutta l' amarezza degli sconfitti di El Alamain che tornano a farsi ammazzare per quelli che bombardano le loro case, per i nemici di ieri.
    "...gli alleati, per convincere gli ex nemicia combattere contro i tedeschi, centrano la loro propaganda sul concetto del riscatto."
    Parla anche delle divise "..tante divise usate, smesse, che anche i marocchini rifiutano"

  10. #10
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    800
    Non è esatto, fino alla costituzione dei Gruppi di combattimento non c'era nessuna scelta: A parte i pochi di Montelungo, tutti gli altri o mulattieri o ciccia. I "Mule Pack Battailon" italiani seguirono gli alleati fin sulla gotica e oltre, e quando furono istituiti i GdC nei Mule Pack confluirono di preferenza gli elementi più anziani, riservando i giovani (pochi...) ai Gdc...
    Mick

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •