Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 16 di 16

Discussione: Utilizzo del martello cinetico

  1. #11
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    942

    Re: Utilizzo del martello cinetico

    Si, ho provato nelle numerose sperimentazioni a girarlo da entrambe le parti il collarino ma scappava comunque. Ad ogni modo ho capito con certezza come va posizionato e sono contento! Adesso vedrò se è difettoso il mio collarino privo della tacca o se non serravo abbastanza la ghiera.
    Inge

  2. #12
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Località
    vicenza
    Messaggi
    1,815

    Re: Utilizzo del martello cinetico

    Citazione Originariamente Scritto da inge
    Si, ho provato nelle numerose sperimentazioni a girarlo da entrambe le parti il collarino ma scappava comunque. Ad ogni modo ho capito con certezza come va posizionato e sono contento! Adesso vedrò se è difettoso il mio collarino privo della tacca o se non serravo abbastanza la ghiera.
    Ma quante misure di collarino hai?
    CERCARE REPERTI BELLICI E' UNA MALATTIA,UNA BELLISSIMA MALATTIA?

    CHIUDIAMO SEMPRE I BUCHI CHE FACCIAMO

  3. #13
    Moderatore L'avatar di Centerfire
    Data Registrazione
    Aug 2005
    Località
    Firenze - Toscana
    Messaggi
    4,576

    Re: Utilizzo del martello cinetico

    Inge, "calma e gesso"!

    Col martello cinetico ci scarichi molte minuzioni per armi leggere, puoi avere qualche difficoltà con i calibri da elefante ma per le misure inferiori funziona benissimo!!!

    Normalmente il martello viene venduto corredato da un set di tre ganasce di alluminio con foro di diametro crescente. Ogni ganascia è divisa in tre settori tenuti uniti da un'O-ring nera.
    La parte interna della ganascia è tornita in modo da far rimanere un dente all'interno della stessa dal lato del profilo raggiato.
    Per l'uso occorre inserire la ganascia col lato piano verso l'ogiva facendola entrare da lato del fondello e dilatandola nello scendere fintanto che con uno scatto il dente di inserisce all'interno della gola di estrazione del bossolo. A questo punto metti la cartuccia nella testa del martello in modo che la parte piana della ganascia vada in appoggio sulla bocca piana della testa. Avvita bene il tappo finché la cartuccia non balla più all'interno rimanendo fermamente serrata.
    Adesso sei pronto!
    Io uso come "incudine" un tassello di legno appoggiato su un blocco metallico per evitare che colpendo direttamente l'acciaio con la plastica del martello si inneschino delle cricche pericolose per la durata dell'attrezzo. Per avere una risposta sufficentemente "secca" il legno deve essere colpito nel senso della venatura e non per traverso (praticamente dalla chioma verso la radice... ).

    Fai attenzione ad alcune cose:
    - Metti un batuffolo di cotone od uno straccetto all'interno del martello per frenare dolcemente il proiettile. Con i mantellati no nci sono problemi ma quelli in piombo dolce si deformano vistosamente fino a copiare le nervature di irrigidimento del vano testa.

    - Chiudi con un pezzetto di nastro adesivo (meglio se di carta) il foro presente nel tappo, una volta aperta la cartuccia la polvere riesce a passare attraverso i tagli della ganascia e te la ritrovi sparpagliata per ogni dove...

    - Tieni a portata di mano un posacenere od una scatoletta bassa dove girare la testa del martello dopo aver tolto tappo e cartuccia. Tieni le dita davanti alla cavità e gira lentamente il martello, il proiettile ti rimarrà in mano e la polvere si raccoglierà nel contenitore.

    - Per togliere la ganascia dal bossolo vuoto appoggialo bocca in giù sul tavolo e premila facendola uscire dalla gola e scivolare vero il basso. C'è la possibilità che le estremità dei serttori possa segnare leggermente la parete del bossolo, in questo caso pui dilatare con le unghie la ganascia e farla uscire dal lato fondello, è molto laborioso ma non lascia segni.

    - Tieni conto che le cartucce rimaste alle intemperie per più di 50 anni sono estremamente fragili. L'ottone cristallizza ed è come togliere una sfera d'acciaio dalla bocca di un bicchiere di vetro!
    Molta pazienza ed attenzione, inizia con colpetti più leggeri, secchi e facendo attenzione che la punta del martello colpisca l'incudine il più verticale possibile per evitare frustate laterali che fessurano il colletto. Verifica ogni 2/3 colpi se ci sono progressi nell'estrazione.

    Mi pare di averti detto tutto... o quasi!
    Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
    Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
    e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
    E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
    È tempo di morire. (Blade Runner)

  4. #14
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    942

    Re: Utilizzo del martello cinetico

    Ottimo!
    Alcuni accorgimenti li avevo adottati, come il cotone in fondo al martello e il piano duro ma non troppo.... Mi sfuggiva proprio la cosa fondamentale, cioè il posizionamento del colpo nel martello... Ecco perchè mi si rompevano sempre!
    Mi chiedo ancora perchè quando ho provato il colpo mi scivolasse dentro, come già detto controllerò che nel collare sia presente la tacca (non vorrei averla mangiata via con il mal utilizzo) e mi accerterò di serrare bene il tappo.
    Inge

  5. #15
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Località
    Lagorai
    Messaggi
    344

    Re: Utilizzo del martello cinetico

    è molto importante dare il colpo in verticale, quindi non il classico movimento della martellata (che fa compiere una specie di parabola), per ridurre al minimo lo sforzo sul colletto. Rimane però il fatto che il colletto dalla cartuccia del 91 è crimpata, aumentando le possibilità di rottura

  6. #16
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    942

    Re: Utilizzo del martello cinetico

    Beh non pretendo che vengano tutti perfetti, sono ben consapevole della fragilità dell'ottone che ha 90 anni dunque è normale che qualcuno si rompa sempre, in particolare se crimpato...
    Inge

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato