Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 12 di 12

Discussione: VOLETE RIDERE???

  1. #11

  2. #12
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,324

    Re: VOLETE RIDERE???

    Beh... In estrema sintesi e per semplificare al massimo le cose, come nella maggioranza dei casi, eccezioni a parte, dovrebbero essere andate così:
    1) un giudice, accertato che un soggetto vantava un credito certo, liquido ed esigibile, gli ha concesso un titolo esecutivo nei confronti di un debitore;
    2) con quel titolo il creditore ha ingiunto al debitore di pagare entro un termine stabilito dalla legge;
    3) il creditore ha posto il pignoramento su uno o più dei beni del debitore, in tal caso il Comune. Il pignoramento, in soldoni, è una sorta di sequestro, operato da pubblici ufficiali, su richiesta di uno o più creditori, che immobilizza il patrimonio di un debitore e lo finalizza al soddisfacimento dei creditori;
    4) in teoria, sotto l'egida di un altro Giudice, detto "Giudice dell'Esecuzione", il bene dovrebbe finire ad un istituto per aste giudiziarie ed essere venduto al miglior offerente. Dubito che sarebbe un soggetto interessato a farne tombini, ragazzi... e noi che ci stiamo a fare? Minimo organizzeremmo una mega colletta per lasciarlo al suo sacro posto ;
    5) i creditori si soddisferebbero sul ricavato e ciò che avanzasse tornerebbe nelle casse del debitore, Comune. Quindi, purtroppo o per fortuna, non si dà* il gingillo al primo che offre 5000 euro.
    Questo, in teoria, è l'iter da seguire.
    Ora, posto che, fino all'ultimissimissimo secondo il debitore può sempre chiedere di convertire il pignoramento in pagamento o comunque rallentare, impedire, evitare la vendita anche offrendo il pagamento delle somme dovute, oltre alle spese legali etc... oppure il debitore può ricomprare il suo bene all'asta e quindi, qualsiasi fosse il prezzo raggiunto all'incanto, egli vedrebbe comunque ritornarsi i suoi soldi, detratte le spese, può senz'altro dirsi che l'avvocato del creditore è stato molto intelligente e furbo.
    Ovviamente il Comune troverà* la liquidità* necessaria a saldare il proprio debito, per sanare il tutto, il professionista si sarà* fatto una giusta e meritata pubblicità* e il suo cliente sarà*, complice il polverone alzato, soddisfatto prima e meglio di altri.
    Allo stesso modo, qualche decennio fa, uno dei miei maestri finì agli onori della cronaca per aver pignorato... un bambino, nel corso di una lite tra coniugi... Ovviamente, anche allora, lo scopo era alzare un polverone e non venderlo all'asta.
    Che un ente pubblico abbia debiti o cause civili e che le perda e che le vinca è normale: è un soggetto come ogni altro, anzi, con molti più contatti sociali rispetto ai comuni mortali e, COME TUTTI, è esposto a rischi di questo tipo. Ricordate sempre... degli avvocati è più facile parlarne male, che farne a meno...
    E non fate gli scongiuri... vi ho visto, sapete?

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •