Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 21 a 24 di 24

Discussione: X Mas: Compagnia D'Annunzio in combattimento

  1. #21
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    922
    Bizzarra perchè ciò che è storicamente diciamo condiviso, visto che i fatti sono ravvicinati (troppo, ci vogliono almeno 100 anni per discutere senza remore..),magari dovrebbe essere considerato e ponderato di fronte agli occhi di chi, da quelle terre è stato costretto ad andarsene.
    Certo prima dell'italia c'era l'austria eancora credo per un migliaio di anni la repubblica di venezia (il dialetto di quelle parti si chiama istro-veneto).
    Dire chi aveva ragione (soprattutto in quelle terre) è opinabile.
    Parlare di fatti storici poi (ma in base a quale storia....quella degli ultimi 60 anni o giù di lì) "incontrovertibili" mi fa pensare ad un'analisi bizzarra che, molto pacatamente ribadisco bizzarra e aggiungo discutibile.

    Volendo possiamo approfondire ulteriormente.

    ciao
    marcuzzo
    Il mio avatar è la foto di Arthur Kueger, Feldwebel ferito a Stalingrado, mancato nel gennaio 2009

  2. #22
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Apr 2007
    Messaggi
    1,596
    è già* qualcosa..!

    ciao
    digjo
    Ciao
    digjo

  3. #23
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2007
    Località
    Veneto
    Messaggi
    922
    poi sai, mi rendo conto che, a dire certe cose magari qualcuno si offende o si sente punto nel vivo........
    Il mio avatar è la foto di Arthur Kueger, Feldwebel ferito a Stalingrado, mancato nel gennaio 2009

  4. #24
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    1,230
    Scusa ma io continuo a non capire in che cosa possa essere definita bizzarra un'analisi di quel tipo: i fatti storici esistono, poi ovviamente ognuno può interpretarli come crede. Che l'Italia non abbia vinto la II GM lo stanno a dimostrare l'armistizio senza condizioni di Cassibile e i trattati del dopoguerra. Io peraltro non ho questionato l'eventuale legittimità* di rivendicazioni italiane (o, come dici giustamente tu, istro-venete...) sui territori assegnati alla Jugoslavia, ho messo solo in discussione l'idea che ci fossero le condizioni politiche e militari (1946-1954-1991) per un atto di forza. E l'ho fatto analizzando gli schieramenti in campo, e i rapporti politici dell'epoca. E' chiaro che non mi sto rivolgendo a te, ma qui c'è qualcuno che ha affermato che sarebbe stato posibile "riscattare "manu militari" anche altri pezzi d' Italia che con un po' di meno vigliaccheria e meno aumma aumma internazionalista avremmo anche potuto conservarci!". Beh, mi sembra lecito chiedere quando, con quali forze, con quali alleanze, in quale contesto di rapporti politico-strategici. Altrimenti significa solamente spararle grosse. Questo in nessun senso significa trascurare il dramma dei profughi, semmai comprenderelo più a fondo. Peraltro, com'è noto, la conferenza di Versailles non aveva stabilito nulla a proposito di Fiume, annessa all'Italia proprio grazie all'impresa di D'Annunzio. Forse in Italia questo è poco noto, ma tra l'altro l'impresa di Fiume ha costituito un precedente: l'"ammutinamento" delle truppe polacche del generale Zeligowski, che nell'autunno del 1920 si impadronirono manu militari della città* lituana di Vilna (Vilnius), rivendicandone la polonità*, per far riconoscere il fatto compiuto al proprio governo. Tra il 1920 e il 1941 Vilna sarà* la capitale della Lituania solo "de jure", visto che era stata annessa alla Polonia, e tornerà* a essere una città* lituana solo con il 1945. Mi sembra che ci siano notevolissime analogie col caso di Fiume, con un'unica, fondamentale differenza: la Polonia, al contrario dell'Italia, risulta tra le potenze nominalmente vincitrici della II GM. All'epoca c'era chi sperava che i due corpi d'armata polacchi, il I e il II, con l'appoggio degli alleati occidentali, potessero impegnarsi un una campagna militare per la riconquista dei territori polacchi che gli accordi di Jalta avevano assegnato ai sovietici. Insomma, gli alleati occidentali - che non si erano esattamente fatti scannare nel 1939 per Danzica - nel 1945 avrebbero dovuto attaccare l'Armata Rossa per restituire Vilna e Leopoli che proprio loro avevano assegnato ai sovietici. A me sembra - questa sì - un'ipotesi bizzarra, ma almeno era giustificata dal fatto che uno stato vincitore della guerra si era visto sottrarre dei territori, il destino dei vinti, come l'Italia, e soprattutto la Germania, privata di Slesia, Pomerania, Varmia, Allenstein e Prussia orientale, ben sapevano.

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato