Pagina 2 di 5 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 49

Discussione: X Mas & mascottes RSI

  1. #11
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    italia
    Messaggi
    2,046
    ...con l'uniforme che porta, povero piccolo, non vorrei che fosse stato passato per le armi "Mala tempora" insieme ad altri eroici
    combattenti. Ciao sal
    QUANTO MAIOR ERIS, TANTO MODERATOR ESTO

  2. #12
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Lazio
    Messaggi
    117
    il ragazzino si chiama Mario greco ed è vivo e vegeto.
    Si è arruolato a 13 anni spacciandosi per orfano di guerra, ma questo non era vero....
    Si tratta di un altro piccolo combattente come Rnzo Fusco in AOI...

  3. #13
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Località
    Umbria
    Messaggi
    991
    se non sbaglio e' il barbarigo,in partenza per il fronte.gli occhiali che sembrano far apparire il soldato,un cieco,se ci fai caso in altre foto,ne appaiono di diversi modelli,portati anche dalle ragazze,che li fanno sembrare tutti non vedenti.saluti

  4. #14
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Località
    italia
    Messaggi
    2,046
    ....bravo fiume, da come esprimi il concetto sei proprio sicuro di quello che dici, la cosa mi fa piacere, non ci dispiacerebbe saperne di più, che dire, rivedere questo quasi settantenne, carpirne i ricordi, dialogare con lui, tramite te, sono convinto che faresti cosa gradita a tutti.
    Colgo l'occasione per salutarti ed augurarti il benvenuto tra noi, da come hai esordito ti aspetta un bel lavoro, Ciao Sal
    QUANTO MAIOR ERIS, TANTO MODERATOR ESTO

  5. #15
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Località
    Lombardia
    Messaggi
    49
    Sono veramene felice che Mario Greco sia vivo, anche se ovviamente non lo conosco, e gli auguro una lunghissima vita: infatti la presenza di questi ragazzini (come, d'altra parte i tamburini delle guerre di indipendenza e dei garibaldini), permettono di spostare invanti l'attualità* di un periodo storico, prima che, per mncanza di protagonisti, venga inevitabilmente relegato nella storia non più "viva", ma documentale.
    Mi ricordo che fui molto colpito vendendo tempo fa un filmato dei primi del '900 dove erano stati ripresi gli ultimi superstiti delle battaglie napoleoniche.
    Guglielmo

  6. #16
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Lazio
    Messaggi
    117
    MArio greco è figlio di un capitano di fregata della regia marina passato alla RSI , si arruolò impietosendo il comandante Borghese con la storia dell' orfano di guerra ...
    Finchè fu in servizio (nella decima) ebbe un contegno pari per rischio, per valore , per disciplina ai suoi camerati...
    Fu impiegato al fronte ma questo fatto non lo spaventò mai... La sua avventura finì a Coltano(Pisa)..

  7. #17
    Utente registrato
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    94
    è il Barbarigo in partenza per il fronte di Nettuno da La Spezia, il bambino era la mascotte.

  8. #18
    Utente registrato L'avatar di massi
    Data Registrazione
    May 2007
    Località
    Liguria
    Messaggi
    44
    nemmeno a farlo apposta qualche giorno fà*, mentre creavo una piccola pagina sulla X Mas a La Spezia, per il mio sito.... ci ho inserito proprio questa foto...confermo tutto quello che avete detto e aggiungo che si tratta dell'ammiraglio Sparzani.

    massi

  9. #19
    Moderatore
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Località
    Liguria
    Messaggi
    343
    Girando per la rete mi è capitato questa a conferma di quanto già* detto:

    http://www.combattentirsi-to.com/TESTIMONIANZE.htm

    TESTIMONIANZA DI
    Franco Grechi

    Avevo 12 anni quando,ai primi di febbraio del 1944,mi presentai alla caserma S.Bartolomeo di La Spezia per arruolarmi nella Decima MAS.
    Il capitano che presiedeva all`ufficio arruolamenti si arrabbiò,intimandomi di tornare a casa ed io,mentendo,gli dissi che non avevo più né casa né genitori.
    L`ufficiale,presa per buona la bugia,si consultò con gli altri graduati;infine fu deciso di "adottarmi"(non potevano mica cacciar via un povero orfano!),mi si trovò una divisa e venni assegnato al battaglione Barbarigo,in procinto di partire per il fronte di Nettuno,da dove tanti non sarebbero tornati.
    Divenni così la mascotte del battaglione,dove prestai servizio sino all`ultimo giorno.Tornato a casa,trovai l`alloggio saccheggiato e mia madre rapata perché "colpevole" di essere la moglie e madre di due combattenti (mio padre Ottavio,ufficiale di complemento,allo scoppio della guerra era stato richiamato in Marina).
    Riuscimmo comunque tutti e tre a sopravvivere,ricominciando un`esistenza segnata in perpetuo dalla sconfitta,ma con l`appagamento di poter guardare chiunque sempre dritto negli occhi.

    Immagine:

    51,08*KB

    La Spezia,12 Febbraio 1944:l'Ammiraglio Sparzani saluta il "piccolo Soldato" Franco Grechi

  10. #20
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    846
    Citazione Originariamente Scritto da harris

    Girando per la rete mi è capitato questa a conferma di quanto già* detto:

    http://www.combattentirsi-to.com/TESTIMONIANZE.htm

    TESTIMONIANZA DI
    Franco Grechi

    Avevo 12 anni quando,ai primi di febbraio del 1944,mi presentai alla caserma S.Bartolomeo di La Spezia per arruolarmi nella Decima MAS.
    Il capitano che presiedeva all`ufficio arruolamenti si arrabbiò,intimandomi di tornare a casa ed io,mentendo,gli dissi che non avevo più né casa né genitori.
    L`ufficiale,presa per buona la bugia,si consultò con gli altri graduati;infine fu deciso di "adottarmi"(non potevano mica cacciar via un povero orfano!),mi si trovò una divisa e venni assegnato al battaglione Barbarigo,in procinto di partire per il fronte di Nettuno,da dove tanti non sarebbero tornati.
    Divenni così la mascotte del battaglione,dove prestai servizio sino all`ultimo giorno.Tornato a casa,trovai l`alloggio saccheggiato e mia madre rapata perché "colpevole" di essere la moglie e madre di due combattenti (mio padre Ottavio,ufficiale di complemento,allo scoppio della guerra era stato richiamato in Marina).
    Riuscimmo comunque tutti e tre a sopravvivere,ricominciando un`esistenza segnata in perpetuo dalla sconfitta,ma con l`appagamento di poter guardare chiunque sempre dritto negli occhi.

    Immagine:

    51,08Â*KB

    La Spezia,12 Febbraio 1944:l'Ammiraglio Sparzani saluta il "piccolo Soldato" Franco Grechi
    Sì sapevo della cosa, tristemente una delle tante storie come questa vissute dai reduci, e loro famiglie, della RSI!
    Mi pare che tutt'oggi non sia permesso annoverare i combattenti della RSI tra i caduti per la patria! Nota dolente. []

Pagina 2 di 5 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •