Pagina 6 di 6 PrimaPrima ... 456
Risultati da 51 a 59 di 59

Discussione: Zone pericolose?

  1. #51
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Aug 2008
    Località
    Catania
    Messaggi
    677

    Re: Zone pericolose?

    se vuoi.........magari non lo usiamo dopo aver bevuto del buon Etna DOC..........
    NUMMERI
    di Trilussa 1944
    Conterò poco, è vero, diceva l'Uno ar Zero
    ma tu che vali?Gnente!
    Sia ne l'azzione come ner pensiero rimani un coso voto e inconcrudente.
    lo invece, se me metto a capofila de cinque zeri tale e quale a te,lo sai quanto divento? Centomila.
    È questione de nummeri.E' quello che succede ar dittatore che cresce de potenza e de valore
    più so' li zeri che je vanno appresso.

  2. #52
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,324

    Re: Zone pericolose?

    Zigzagando zigzagando... così ci fanno pure il "palloncino"!!

  3. #53
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    791

    Re: Zone pericolose?

    Citazione Originariamente Scritto da Klaus
    Beh... soprattutto, se andassi a Ostia, Anzio e Nettuno e in molte, molte, molte, ma davvero molte altre zone del Lazio (pressochè tutta o quasi tutta la Regione...), dovresti portarti il numero di telefono di un buon avvocato, qualcosa da leggere per ingannare l'attesa in caserma e avvisare casa che potresti fare molto tardi: essendo zone archeologiche la forza pubblica ti potrebbe dare qualcosa da fare...
    hai perfettamente ragione , ma fino a che io non trovo e prelevo nulla non c'e nessuna legge che mi inpedisce di portarmi dietro a spasso un metal detector , lo potrei usare anche come stampella .. mi possono fermare ,chiedere etc ma fino a che non ho fatto niente ..
    questo e' il ragionamento che mi ha fatto un tutore della forza pubblica ..
    come logica mi sembra corretto .
    morale : alcuni giorni or sono nel comune di pescia (PT) una guardia venatoria sente uno sparo nella boscaglia , si avvicina .. uno scappa nel bosco , l'altro fa' per salire in auto ma viene bloccato . dall'auto salta fuori un fucile da caccia con le canne mozzate ..
    la guardia lo sequestra e lascia andare il pastore ..
    la sera il comandante della guardie telefona in commissariato avvertendo dell'accaduto : il funzionario salta' su' urlando con il comandante : ma come lei ferma un tizio con un fucile a canna mozze e lascia andare ..
    subito gli uomini partono a perquisire la casa dei pastori che ovviamente hanno avuto tutto il tempo di far sparire tutto , sempre saltano fuori pero' quatro fucili , 2 mozzatti e due con silenziatore oltre ad una bomba a mano inglese ..

  4. #54
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    791

    Re: Zone pericolose?

    nemmeno un giorno di prigione , il giudice li ha subito rimessi fuori , vabbe' avranno il processo ..
    io penso che il pericolo non e' in quello che c'e ancora in giro e che sicuramente c'e ma in quello che gente senza coscienza o con pochi scupoli si tiene in casa , a volte messo li' anche da anni precedenti .
    Chi fa' il propio dovere e lo consegna ..ritrovandolo
    ma c'e anche chi se ne sbarazza senza pernsarci su' . anche tra i rifiuti domestici o nei cassoni del materiale ingombrante , testimone oculare .. ritrovarono un ananas in un cassone di quelli che vengono posto all'inizio dei paesi e dove sei autorizzato a scaricare gli ingombranti che vuoi buttare ..

  5. #55
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    T.L.T.
    Messaggi
    2,297

    Re: Zone pericolose?

    Citazione Originariamente Scritto da Klaus
    Guarda... girovagando per il web ho trovato un esempio che può fare al caso nostro.
    Abbiamo già* parlato del T.U. che tutela, genericamente, il patrimonio storico-artistico del nostro paese.
    Ok.
    Ad esso si aggiunge, però, quantomeno, in certi casi, la sacrosanta legge Legge 7 marzo 2001, n. 78 "Tutela del patrimonio storico della Prima guerra mondiale" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 75 del 30 marzo 2001, che ritengo sia ancora perfettamente vigente.
    All'art. 9 detta legge recita:
    "Art. 9. (Reperti mobili e cimeli)
    1. Chiunque possieda o rivenga reperti mobili o cimeli relativi al fronte terrestre della Prima guerra mondiale di notevole valore storico o documentario, ovvero possieda collezioni o raccolte dei citati reperti o cimeli deve darne comunicazione al sindaco del comune nel cui territorio si trovano, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge o dalla data del ritrovamento, indicandone la natura, la quantità* e, ove nota, la provenienza
    ."

    La conoscevate?

    Vi sembra di facile interpretazione e/o gestione? A occhio e croce scorgo almeno due o tre grossi problemini:
    1) Chi può definire, in modo oggettivo e tranquillizzante, la locuzione "di notevole valore storico o documentario"?? E su quali basi si può definire un oggetto come tale? Collezionistiche? Puramente storiche? Un elmetto adrian, italiano, con un fregio rarissimo, una corazza Corsi o un elmo Farina rientrano nella categoria? Un elmetto identico a milioni di altri, comune e senza fregi, ma che si possa ricondurre ad un personaggio storico, vi rientra? Chi lo stabilisce? E quando il personaggio storico è definibile "storico"? Per il suo valore storico-politico? Artistico? Militare? Chi lo stabilisce?
    2) Perchè si è scelto di tutelare solo le vestigia "relative al fronte terrestre della Prima guerra mondiale"? Se pescando o giocando con le formine, in spiaggia, trovo reperti di notevolissimo interesse, ma relativi al "fronte di mare".... che faccio? Li denuncio?
    3) E come e dove si estende il fronte terrestre, visto che parte del territorio che era italiano, oggi non lo è più? Il reperto rinvenuto dieci centimetri al di là* del confine è soggetto a tutela e quindi va denunciato, oppure no? E' fronte anche quello che ieri o oggi era Stato estero? La legge di tutela del patrimonio artistico non tutela, se ben ricordo, oggetti provenienti dall'estero... questa sì? Non se ne parla... quindi anche oggetti provenienti dalla Slovenia potrebbero essere soggetti a tutela... e quelli provenienti dal fronte Francese? Russo? Perchè no? e perchè sì? Chi ce lo dice? E il personaggio storicamente di rilievo di cui si parlava... potrebbe anche essere straniero? Perchè no? e perchè sì?

    Porca paletta... facile no?

    Tranquilli, però!!
    Art. 10, comma 3. "Chiunque non ottemperi alle prescrizioni previste dall`articolo 9 è punito con la sanzione amministrativa da lire cinquecentomila a lire un milione."
    Ve la cavate, quindi, con una sanzione amministrativa...

    Ma, attenzione...
    A mero titolo di esempio, (improbabile, ma l'improbabile si può verificare...) se su uno stesso oggetto può essere applicata sia le legge di tutela del patrimonio storico artistico che questa legge speciale cosa si fa? Può ben darsi che vi si chieda di rispondere sulla base di entrambi i presupposti...
    Di norma, almeno, dovrebbe applicarsi la normativa speciale, che deroga quella generale, specie se meno gravosa per il cittadino: è un principio antico, ma... chi vi trovate davanti... la conosce? Non solo: può anche verificarsi che le autorità* chiamate ad applicare le due normative siano differenti tra loro e quindi che possano procedere ognuna per la propria strada...

    E poi: come va effettuata la denuncia? In bollo? Ve l'accettano? Va spedita con raccomandata A.R. (cosa che consiglierei) o esistono formulari?
    L'avevo già* segnalata io, facendo la battuta sul fatto che, per fortuna, io colleziono roba della Marina e non del fronte di terra. Perciò, se trovo la "Viribus Unitis", posso portarmela a casa, senza problemi.
    Comunque mi dicono che questa legge è inapplicabile.... perchè non è mai stata nominata la commissione di cui all'art. 4, co. 2 della legge medesima.
    Che ci volete fare? Siamo in Italia! (per fortuna, stavolta)

  6. #56
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    243

    Re: Zone pericolose?

    Non è vero che puoi girare dove ti pare con il metal.
    Prova a farlo ad Ostoia Antica o in qualunque area definita archeologica.
    e gira, gira l'elica. . .

  7. #57
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,324

    Re: Zone pericolose?

    Citazione Originariamente Scritto da lucca04
    Citazione Originariamente Scritto da Klaus
    Beh... soprattutto, se andassi a Ostia, Anzio e Nettuno e in molte, molte, molte, ma davvero molte altre zone del Lazio (pressochè tutta o quasi tutta la Regione...), dovresti portarti il numero di telefono di un buon avvocato, qualcosa da leggere per ingannare l'attesa in caserma e avvisare casa che potresti fare molto tardi: essendo zone archeologiche la forza pubblica ti potrebbe dare qualcosa da fare...
    hai perfettamente ragione , ma fino a che io non trovo e prelevo nulla non c'e nessuna legge che mi inpedisce di portarmi dietro a spasso un metal detector , lo potrei usare anche come stampella .. mi possono fermare ,chiedere etc ma fino a che non ho fatto niente ..
    questo e' il ragionamento che mi ha fatto un tutore della forza pubblica ..
    come logica mi sembra corretto .
    morale : alcuni giorni or sono nel comune di pescia (PT) una guardia venatoria sente uno sparo nella boscaglia , si avvicina .. uno scappa nel bosco , l'altro fa' per salire in auto ma viene bloccato . dall'auto salta fuori un fucile da caccia con le canne mozzate ..
    la guardia lo sequestra e lascia andare il pastore ..
    la sera il comandante della guardie telefona in commissariato avvertendo dell'accaduto : il funzionario salta' su' urlando con il comandante : ma come lei ferma un tizio con un fucile a canna mozze e lascia andare ..
    subito gli uomini partono a perquisire la casa dei pastori che ovviamente hanno avuto tutto il tempo di far sparire tutto , sempre saltano fuori pero' quatro fucili , 2 mozzatti e due con silenziatore oltre ad una bomba a mano inglese ..

    Perdonami, ma non mi sento di sottoscrivere quello che ti ha detto il tuo amico tutore dell'ordine...
    Sono d'accordo che in Italia, come in ogni altro paese che si rispetti, è consentito tutto ciò che non è vietato, ma esiste anche la fattispecie del delitto tentato: pertanto, il possesso di un MD in area archeologica potrebbe (e a ragione dico io) essere interpretato come "atto idoneo diretto in modo non equivoco" a compiere il reato di furto aggravato....
    Almeno credo che il pubblico ministero avrebbe meno difficoltà* a convincerne il giudice, rispetto all'avvocato che volesse sostenere che il MD è un'ottima, sebbene costosa, stampella... Insomma, con tutto il rispetto, ad ognuno il suo mestiere...

  8. #58
    Collaboratore
    Data Registrazione
    Dec 2007
    Località
    Lazio
    Messaggi
    1,324

    Re: Zone pericolose?

    Citazione Originariamente Scritto da lucca04
    nemmeno un giorno di prigione , il giudice li ha subito rimessi fuori , vabbe' avranno il processo ..
    io penso che il pericolo non e' in quello che c'e ancora in giro e che sicuramente c'e ma in quello che gente senza coscienza o con pochi scupoli si tiene in casa , a volte messo li' anche da anni precedenti .
    Chi fa' il propio dovere e lo consegna ..ritrovandolo
    ma c'e anche chi se ne sbarazza senza pernsarci su' . anche tra i rifiuti domestici o nei cassoni del materiale ingombrante , testimone oculare .. ritrovarono un ananas in un cassone di quelli che vengono posto all'inizio dei paesi e dove sei autorizzato a scaricare gli ingombranti che vuoi buttare ..
    Beh... dai... a prescindere dal comportamento dei tutori dell'ordine (...ripeto: dobbiamo sempre rispettare il ruolo e il lavoro altrui...) diciamo che un processo per un reato simile non lo auguro a nessuno... A fine processo vediamo se non si fanno "neppure un giorno di prigione"...

  9. #59
    Utente registrato
    Data Registrazione
    Dec 2008
    Messaggi
    791

    Re: Zone pericolose?

    concordo anche io con voi ,
    certo andare in zona archeologica con metal e vanghetta sicuramente crea problemi ed e' difficile dare una spiegazione dopo , pero' non possono nemmeno impedire di girare per boschi .. a me hanno detto : non andare in zona Castello di Ripafratta perche' un tizio chiama subito i carabinieri . C'e un castello dell'epoca di Castruccio Castacani , delle torri di avvistamento , monte e boschi ma fino ad ora nessuno si e' mai preoccupato di rimetterli in sesto.. o di avviare campagni di scavo o che altro , se da li' passa un sentiero cai perche' non ho diritto a passarci con il metal per di piu' spento e proseguire oltre .. e queste cose che non capisco ..
    come il custode di una chiesetta vicino alla citta in zona collinare , splendidi uliveti del' 1500 abbandonati , erbaccie e rovi dappertutto : come mi ha visto subito non ha gradito : ma guarda che da questa mulattiera passa un sentiero Cai ..
    e poi dopo un po' di tempo vengo a sapere .. che il suo non era un interesse a difesa dei possedimenti della chiesa ma a tenere lontano sguardi indiscreti su certi tipi di coltivazioni non propiamente del tipo ortofrutticolo ..

    le mie sono opinioni personali e come tali molto soggettive , anche non condivisibili se non in linea con il pensiero di chi legge .

Pagina 6 di 6 PrimaPrima ... 456

Permessi di scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato